23 novembre 2020

Sport

Chiudi

24.10.2020

L’Inter alla prova del Genoa «A testa alta senza timore»

Antonio Conte con l’Inter non sta attraversando un buon momento
Antonio Conte con l’Inter non sta attraversando un buon momento

ROMA Il Milan capolista aspetta la rinfrancata Roma nel posticipo di lunedì e potrebbe trovarsi scavalcato dal sorprendente Sassuolo che anticipa col fanalino di coda Torino, nella prova d’appello per Giampaolo. La quinta di serie A, a cavallo dei primi due turni di coppe europee, avrà però anche altri temi interessanti: le protagoniste Atalanta e Lazio sono decise a riscattare il ko dello scorso weekend ospitando Sampdoria e Bologna, il Napoli vuole riprendere dal ko in Europa League nel derby col Benevento, l’Inter cerca di riscattare i recenti inciampi in casa del Genoa, in un altro derby, quello tra le squadre più colpite dal covid. La Juve di Pirlo, senza Ronaldo, riceve un cliente scomodo come il Verona, la Fiorentina cerca il primo gol di Ribery per assestare la traballante panchina di Iachini ospitando l’Udinese. Infine Cagliari e Parma hanno bisogno dei tre punti nei confronti casalinghi con Crotone e Spezia. A rischiare di più è forse l’Inter di Conte che, dopo il ko nel derby e il pari di Champions, tradita prima da Kolarov e poi da Vidal, si aggrappa a Lukaku per vincere in casa del rimaneggiato Genoa e mettere sotto silenzio le critiche. «Dobbiamo migliorare, ma la strada è giusta e il club contento», precisa Antonio Conte, tornato nel mirino della critica. Molte cose non quadrano ma la rosa è di grande qualità e, in un clima di grande equilibrio, conterà arrivare bene alle sfide dirette. «Non sono preoccupato per le assenze legate al Covid (intanto Hakimi, l’esterno marocchino, è risultato negativo al tampone effettuato dopo la positività riscontrata dai controlli Uefa prima della partita contro il Borussia Moenchengladbach ndr)», ha detto Conte, «né per i risultati. Dobbiamo affrontare la situazione a testa alta, non dare troppo peso alle assenze e a quello che ci sta succedendo. Non sono preoccupato da un punto di vista calcistico perché stiamo giocando bene. Abbiamo raccolto meno di quello che abbiamo prodotto e siamo stati puniti dalle nostre disattenzioni». Intanto a fare da lepre è ora il Milan di Pioli a punteggio pieno che verificherà le sue ambizioni nel confronto con una Roma rilanciata da Fonseca. Sarà il confronto tra formazioni ringiovanite ma il vero duello sarà tra i veterani Ibra e Dzeko, spalleggiato da Pedro e Mkhitaryan. Entrambe hanno corroborato il morale con le vittorie esterne in Europa League. La corsa scudetto può vantare sette pretendenti che stanno crescendo tra mille difficoltà. A dare spettacolo per ora sono Napoli e Atalanta. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Empoli
17
Lecce
15
Spal
15
Salernitana
14
Venezia
14
Chievoverona
14
Frosinone
13
Cittadella
11
Monza
10
Brescia
9
Pordenone
9
Cosenza
8
Reggina
7
Pisa
7
Reggio Audace
7
L.r. Vicenza Virtus
6
Ascoli
5
Virtus Entella
5
Pescara
4
Cremonese
3
Ascoli - Virtus Entella
1-1
Brescia - Venezia
2-2
Cittadella - Empoli
2-2
Frosinone - Cosenza
0-2
Lecce - Reggio Audace
7-1
L.r. Vicenza Virtus - Chievoverona
Pordenone - Monza
1-1
Reggina - Pisa
1-2
Salernitana - Cremonese
Spal - Pescara
2-0