02 dicembre 2020

Sport

Chiudi

20.10.2020 Tags: Basket

«Lo stop
ai campionati?
Una mazzata»

Niente gare ufficiali e niente allenamenti fino almeno al 6 novembre:  il basket bresciano è di nuovo fermo
Niente gare ufficiali e niente allenamenti fino almeno al 6 novembre: il basket bresciano è di nuovo fermo

Incognite, incertezza e delusione. Il basket bresciano, proprio nella settimana in cui era previsto l'inizio dei campionati, vive nella rabbia e nel disagio dopo l'ordinanza regionale che venerdì ha sospeso non solo tutte le gare e le competizioni degli sport di contatto (incluso il basket appunto), ma anche le altre attività e persino gli allenamenti. UN PROVVEDIMENTO che, salvo ripensamenti o passi indietro che al momento appaiono molto improbabili, avrà valore fino al 6 novembre. Sperando che qualcosa in corsa cambi, se non nella sostanza almeno nei dettagli. La Fip Lombardia si è infatti mossa in maniera formale e ha chiesto all'assessore allo Sport regionale, Martina Cambiaghi, di consentire almeno la ripresa degli allenamenti, anche in forma individuale. In attesa di una risposta però la situazione è preoccupante. «Siamo molto delusi da questa situazione perché abbiamo fatto di tutto per seguire i vari protocolli e ora ci viene tolta anche la possibilità di allenarci – spiega Andrea Sina, che ricopre la tripla carica di vice presidente regionale, presidente della Federazione a livello provinciale e presidente del Gussago di Serie D – Alla fine era un bene allenarsi perché veniva fatto in un ambiente sicuro, con tracciamento di presenti e assenti, e in questo modo potevamo aiutare la Regione e l'Ats a fotografare la diffusione del virus. Spero che la Regione si allinei al resto d'Italia, ma già ora posso dire di essere molto amareggiato perché si è chiuso tutto in maniera troppo frettolosa: intervenire sì per la sicurezza, ma in maniera più consona per i ragazzi». RESTA IL FATTO che questa situazione è pesante per tutti, in primis per le società che hanno sostenuto costi importanti e si vedono bloccate per la seconda volta. «Sono amareggiato perché abbiamo lavorato 8 ore tutti i giorni per la passione che abbiamo e per assicurare che tutto fosse fatto in regola - le parole del general manager del Basket Iseo, Giacomo Zani - Prima la Provincia aveva bloccato l'uso delle palestre e ora questo nuovo stop. Abbiamo raddoppiato i costi per le pulizie per tenere aperto, adesso con la chiusura anche noi siamo esposti economicamente, perché come sta succedendo a tutti i budget erano già stati intaccati dagli effetti della pandemia». Cosa succederà dopo il 6 novembre è davvero difficile da capire e prevedere, e non è da escludere neppure una revisione completa dell’intero calendario e quindi della formula da adottare per arrivare in tempo a fine stagione per la disputa della varie fasi finali. Un bel grattacapo per il neo istituito consiglio regionale della Fip lombarda, che ha nell’ex general manager del Basket Brescia degli anni ’80, Giorgio Maggi, il suo presidente. «IO CREDO che dopo aver emanato una serie di protocolli e documenti, in questo momento sospendere per tre settimane l'attività è una mazzata tra capo e collo – le parole del coach della Gardonese, Diego Sguaizer, referente per la provincia di Brescia del Cna, il comitato nazionale allenatori – Noi, come tutti del resto, ci stavamo allenando in sicurezza e adesso questa stagione sta perdendo un po’ il senso: a livello fisico, mentale e atletico diventa difficile da digerire. Anche perché attendiamo il 6 novembre come se fosse la data della nascita del Messia, ma il problema è che qui qualcuno parla addirittura di riprendere a gennaio. E in quel caso, almeno questa è un po' la voce che gira, alcune società potrebbero essere a rischio chiusura». TRA LE IPOTESI più ottimistiche c'è invece quella che vuole un ritorno all'attività il 6 novembre (se non prima, nel caso che la Regione decida di fare un improbabile passo indietro) e l'inizio poi dei campionati nel weekend del 21/22, dando così due settimane di tempo a tutti i giocatori per riattivarsi. Ma i giocatori come vivono questo momento? «Sicuramente non dico che sia una batosta, ma non è facile da digerire – spiega Renè Caramatti del Basket Iseo, uno dei giocatori bresciani più rappresentativi - Non è facile per chi deve prendere decisioni, ma anche per noi: abbiamo giocato l'ultima partita ufficiale il 20 febbraio, siamo tornati ad allenarci dopo sette mesi per un mese abbondante e ora veniamo fermati a una settimana dall'inizio del campionato. È difficile fisicamente, ma mentalmente è anche peggio perché tutto si stava svolgendo in sicurezza e non ci aspettavamo proprio una decisione del genere». Per tenersi in forma bisognerà dunque sfidare il clima non più estivo e fare qualche corsetta all'aperto, oppure avere la fortuna di avere qualche attrezzo in casa. «Ho la fortuna di avere qualche rullo, qualche tappetino e attrezzo vario per allenarmi a casa, anche se è demotivante allenarsi tra le mura domestiche – dichiara Daniele Mastrangelo dalla Virtus Lumezzane – Ci stavamo allenando bene e in sicurezza e vedere vanificati gli sforzi ti abbatte. Speriamo che sia solo una questione di giorni». Lo sperano in tanti, ma alla luce dei dati sulla diffusione è difficile essere ottimisti. Anche perché la Lombardia sembra intenzionata a proseguire sulla strada delle restrizioni. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Claudio Canini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Salernitana
20
Lecce
18
Empoli
18
Spal
18
Venezia
17
Frosinone
16
Cittadella
14
Chievoverona
14
Monza
13
Pordenone
12
Brescia
9
Cosenza
8
Reggio Audace
8
L.r. Vicenza Virtus
7
Reggina
7
Pisa
7
Ascoli
5
Virtus Entella
5
Cremonese
4
Pescara
4
Brescia - Frosinone
1-2
Chievoverona - Lecce
1-2
Cosenza - Salernitana
0-1
Empoli - L.r. Vicenza Virtus
2-2
Monza - Reggina
1-0
Pescara - Pordenone
0-2
Pisa - Cittadella
1-4
Reggio Audace - Cremonese
1-1
Venezia - Ascoli
2-1
Virtus Entella - Spal
0-1