20 maggio 2019

Sport

Chiudi

11.04.2019

Centrale Sferc, niente bis: ora serve un’impresa

Un salvataggio di Emanuele Scanferla e Paolo Tiberti. La Centrale Sferc ha dato tutto, ma non è bastato
Un salvataggio di Emanuele Scanferla e Paolo Tiberti. La Centrale Sferc ha dato tutto, ma non è bastato

Il secondo miracolo non c’è stato. Dopo la bella ed importante vittoria a Piacenza (3-1) in gara uno dei quarti di finale dei play-off promozione per la Superlega, la Centrale Sferc non riesce a ripetersi e soccombe nel ritorno, in un PalaSanFilippo affollato, caloroso ed assordante, sempre per 3-1. «Siamo stati bravi, ma potevamo fare qualcosa di più – dice Roberto Zambonardi, tecnico del Brescia -. Abbiamo preso agli inizio dei set degli svantaggi che potevamo evitare così come certi filotti sulle loro battute. Loro però sono uno squadrone ed era difficile ripetersi». Non è finita. Il passaggio del turno le due squadre se lo giocano in Emilia domenica: sarà un’altra battaglia. «Noi andiamo a Piacenza a cuor leggero – commenta il tecnico cittadino -, poi vediamo quello che succederà. Certo, sarà molto difficile». La Centrale Sferc ha comunque poco da rimproverarsi da questa seconda gara dei play-off. Ha giocato con il cuore, pur senza Cisolla e con Valsecchi che è durato solo due set, con grande determinazione, con la grinta della squadra vista nel girone di andata. Ma tutto questo non è bastato, così come non è stata sufficiente la grande serata di tutta la squadra da Bisi (top scorer della serata con 23 punti e i 55% in attacco) a Milan (19 punti e 57% in attacco) a Tiberti, che ha servito al meglio i suoi compagni, a Rodella, Candeli, Signorelli, tutti giocatori che l’anno scorso erano in B e che ieri sera hanno fatto una grande gara contro uno squadrone come quello del Piacenza. Senza contare il giovane libero Scanferla che ha subìto un solo ace e che si è prodigato su ogni zona del campo. Nel primo set Piacenza subito in vantaggio e Brescia sempre a rincorrere. Sul 21-23 è Yudin a procurarsi la prima palla set e Sabbi a chiuderla dai nove metri (21-25). PARTE FORTE il Piacenza nel secondo set (7-2), ma la Centrale Sferc lotta e pareggia (14-14) con due punti di Milan (4 nel set): il primo con un muro su Sabbi e il secondo con un bell’attacco da posto quattro. Ma è Piacenza ad andare al set point (23-24) e a chiudere alla prima possibilità sfruttando una difesa su un grande attacco di Bisi (6 i punti nel parziale) che cade sulla rete tra le braccia di Tondo e Candeli e finisce nel campo bresciano (23-25). Lo 0-2 non scoraggia la Centrale che sull’8-8 infila 4 punti e arriva al 25-20. La risposta del Piacenza è immediata. Brescia resta in gara fino al 16-17, poi soccombe. Si giocherà la semifinale alla «bella» a Piacenza. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Salvatore Messineo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
67
Lecce
66
Palermo
63
Benevento
60
Pescara
55
Hellas Verona
52
Cittadella
51
Spezia
51
Perugia
50
Cremonese
49
Cosenza
46
Crotone
43
Ascoli
43
Livorno
39
Venezia
38
Salernitana
38
Foggia
37
Padova
31
Carpi
29
Brescia - Benevento
2-3
Carpi - Venezia
2-3
Crotone - Ascoli
3-0
Hellas Verona - Foggia
2-1
Lecce - Spezia
2-1
Padova - Livorno
1-1
Palermo - Cittadella
2-2
Perugia - Cremonese
3-1
Pescara - Salernitana
2-0
Cosenza - [ha Riposato]