23 aprile 2019

Sport

Chiudi

15.04.2019

Ponte Zanano in
festa con il sorriso nel
derby e numeri da primato

La vittoria più bella per il traguardo più ambito: il Ponte Zanano batte il Sarezzo e conquista l’accesso alla Seconda categoriaIl difensore Giuseppe LecchiLa festa dei giocatori del Ponte Zanano dopo aver vinto il derby
La vittoria più bella per il traguardo più ambito: il Ponte Zanano batte il Sarezzo e conquista l’accesso alla Seconda categoriaIl difensore Giuseppe LecchiLa festa dei giocatori del Ponte Zanano dopo aver vinto il derby

Il Ponte Zanano supera 2-0 il Sarezzo nel derby valtrumplino e, con una giornata di anticipo, ritorna in Seconda dopo due stagioni di purgatorio in Terza. Per la squadra di Alfredo Rovetta non è semplice superare i «cugini» giallorossi, che danno battaglia (10-3 i calci d’angolo). Al 94’ il via alle celebrazioni, con l’allenatore in trionfo, bottiglie stappate, gavettoni e una maglietta «hot» con la scritta «Meglio la 2 della 3. Per questa volta». Proseguendo tra il campo e gli spogliatoi con i saluti da «campeones» e sulle note di Gigi D’Agostino e di «We Are the Champions» dei Queen. Diciannove vittorie, 4 pareggi e due sole sconfitte: sono i numeri da primato del Ponte Zanano che, aspettando l’ultima giornata tra due settimane, ambisce anche a mantenere la posizione di difesa meno battuta. Nel frattempo la squadra di Rovetta si può godere la quarta vittoria in campionato nella sua storia. La marcia verso il successo inizia due mesi fa con il successo esterno sul campo del Roé Volciano nella terza di ritorno e la conquista della vetta. Nella sfida con il Sarezzo Bruni ci prova dopo 22’, ma calcia fuori. Il vantaggio è solo rinviato e arriva al 25’, quando il tiro di Reculiani impatta nella mano di Gaiardoni in area: l’arbitro indica il dischetto e Bruni insacca. Poi Pedretti di testa ed El Hassani dal limite sfiorano il raddoppio. Nella ripresa la capolista rischia il pari, ma nel recupero il portiere di casa, troppo sicuro di sé, si fa rubare palla fuori dai pali e Franzini piazza il raddoppio per l’apoteosi finale. Nel dopogara Alfredo Rovetta è felicissimo. «La scorsa stagione eravamo andati male, volevamo rifarci. Bene soprattutto nel ritorno - commenta - perché siamo sempre stati in vetta. I momenti decisivi? La vittoria a Roé Volciano e lo scontro diretto a Collebeato». Il tecnico dedica la vittoria al direttore sportivo, Silvano Guerini, «che mi ha voluto sulla panchina, e a mia moglie». Quindi si concentra già sul prossimo anno. «Sono d’accordo anche in Seconda, sarebbe la mia prima volta», chiude. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Zizzo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
63
Lecce
60
Palermo
57
Benevento
53
Pescara
50
Hellas Verona
48
Spezia
46
Cittadella
45
Perugia
45
Cremonese
42
Cosenza
42
Ascoli
42
Salernitana
38
Crotone
34
Venezia
33
Foggia
31
Livorno
31
Padova
26
Carpi
26
Ascoli - Venezia
1-0
Brescia - Salernitana
3-0
Carpi - Pescara
0-0
Cittadella - Cremonese
1-3
Cosenza - Spezia
1-0
Foggia - Livorno
2-2
Hellas Verona - Benevento
0-3
Palermo - Padova
1-1
Perugia - Lecce
1-2
Crotone - [ha Riposato]