06 agosto 2020

Sport

Chiudi

05.12.2019

Calvisano senza paura nella tana delle Tigri

Il «Welford Road Stadium» tiene più di 25mila spettatori ed è uno dei templi della palla ovale inglese
Il «Welford Road Stadium» tiene più di 25mila spettatori ed è uno dei templi della palla ovale inglese

Dal Pata Stadium al Welford Road per coltivare un sogno. Leicester Tigers contro Calvisano di sabato pomeriggio (kick off alle 15) è forse uno dei punti più alti della storia recente dei gialloneri. Che per la terza gara di Challenge Cup sono chiamati alla sfida con un club dal sangue blu e titolatissimo. L’AVVERSARIO. Nati nel lontano 1880, i Tigers hanno vinto dieci Premiership e due Heineken Cup, anche se l’ultima volta in cui si sono laureati campioni d’Inghilterra risale ormai al 2013. Questo perché nonostante il blasone, la società sta attraversando un momento di crisi di risultati in campionato (lo scorso anno si è piazzata undicesima, evitando di poco la retrocessione). Inoltre, è notizia di qualche mese fa, il club è stato messo in vendita, nella speranza di riportarlo presto ai fasti di un tempo. In ogni caso si tratta di voci che importano ben poco alla squadra di coach Massimo Brunello. Le Tigri di Leicester, attualmente al comando del girone di Challenge Cup, rappresentano una contendente di valore assoluto per i gialloneri. In casa Calvisano le prime due gare giocate nella competizione europea, andate in archivio con due sconfitte (quella onesta con Cardiff e quella scontata con Pau), non hanno compromesso la voglia di affrontare con slancio e coraggio la più impossibile delle missioni. Consapevoli che il coefficiente di difficoltà è altissimo, Chiesa e soci ripartiranno dalla voglia di lottare con gli artigli messa in campo nei turni precedenti. Nei Tigers militano diverse stelle internazionali. A partire da Ben Youngs, mediano di mischia titolare dell’Inghilterra. Youngs, 97 caps con la maglia della Nazionale della Rosa e ben tre Sei Nazioni vinti, è uno dei pilastri della squadra ed è stato tra i protagonisti della recente finale dei Mondiali persa dagli inglesi contro il Sudafrica. IL RITORNO a Welford Road, moderno impianto da 25 mila posti (molto più grande e ampio del Rigamonti, tanto per dire), rappresenta un appuntamento emozionante e suggestivo per Riccardo Brugnara, pilone giallonero arrivato da Rovigo e che proprio a Leicester ha giocato a lungo nell’Academy prima di debuttare in Premiership. Calvisano e i Tigers si sono già affrontati diverse volte in passato. Ci si ricorda ad esempio di una sfida di Heineken Cup datata 16 gennaio 2005 e conclusasi con un ampio e prevedibile 62-10 per Leicester. La città inglese ha più di duemila anni di storia ed è una delle più antiche di tutto il Regno Unito. Nel 2016 è diventata celebre in tutto il mondo grazie allo straordinario e incredibile titolo vinto in Premier League dalle Foxes di Claudio Ranieri. Ma se l’attenzione e l’attaccamento per la squadra di calcio sono recenti, quelli per la palla ovale sono semplicemente storia. Non a caso il Welford Road Stadium ha una media spettatori sempre molto alta e non è escluso che anche sabato si possa registrare il tutto esaurito. Uno stadio grande, grandissimo. Un impianto moderno che porta punti con il ruggito del suo tifo incandescente. Welford Road è luogo di fortissima identità, uno dei simboli della palla ovale inglese. LA PARTENZA dei gialloneri per l’Inghilterra è fissata per domani pomeriggio con volo da Orio al Serio diretto a Birmingham. Quindi il trasferimento in bus a Leicester. Ancora da valutare le condizioni di Wessels e di Leso: entrambi sono usciti malconci dall’allenamento di martedì sera. Per il resto non dovrebbero esserci particolari assenze. Quanto peserà il fattore stadio nella doppia sfida di Challenge Cup? Difficile stabilirlo. Forse per Calvisano sarebbe stato meglio giocare la gara d’andata in casa, sfruttando la spinta dei suoi tifosi. Tra una settimana, proprio al Pata Stadium, nel caso dovesse finire male dopodomani, ci sarà spazio per la rivincita. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Federico Gervasoni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Benevento
86
Crotone
68
Spezia
61
Pordenone
58
Cittadella
58
Chievoverona
56
Pisa
54
Frosinone
54
Empoli
54
Salernitana
52
Venezia
50
Cremonese
49
Virtus Entella
48
Trapani
48
Cosenza
46
Ascoli
46
Pescara
45
Perugia
45
Juve Stabia
41
Livorno
21
Ascoli - Benevento
2-4
Chievoverona - Pescara
1-0
Cosenza - Juve Stabia
3-1
Cremonese - Pordenone
2-2
Frosinone - Pisa
1-1
Livorno - Empoli
0-2
Salernitana - Spezia
1-2
Trapani - Crotone
2-0
Venezia - Perugia
3-1
Virtus Entella - Cittadella
2-3