18 luglio 2019

Sport

Chiudi

18.07.2012

«Sì, Andrea è un fenomeno

Federico Cervi, 51 anni: pluricampione mondiale di fioretto
Federico Cervi, 51 anni: pluricampione mondiale di fioretto

Ha partecipato prima ai Mondiali assoluti che a quelli giovanili. Era un fenomeno, Federico Cervi, 51 anni, che oggi è un papà entusiasta di una bimba di 3, fa l'osteopata ma è uscito dal suo mondo, la scherma, che gli ha regalato 3 Mondiali di fioretto a squadre e uno individuale, senza contare i titoli under. Cervi, lei da giovane era un fenomeno della scherma. Così si diceva. Andrea Cassarà lo è? Di sicuro. Io l'ho seguito nei primi passi quando ancora insegnavo a Bresciascherma. Si vedeva già da bambino che aveva la stoffa del campione e una qualità davvero incredibile, che gli è rimasta anche adesso. Quale? Ha i tempi dentro di sè. Nessuno ha la sua abilità nel capire quando è il momento giusto per mettere la punta, per giocare d'anticipo sull'avversario. Dunque, due ori a Londra non sono una chimera? Cassarà può vincerli tranquillamente. Arriva all'Olimpiade da campione mondiale in carica. Gli Europei di Legnano, però, sono stati un fallimento. Tutta l'Italia non è andata benissimo. Forse i ragazzi erano in sovraccarico proprio in funzione dell'Olimpiade. Certo che a programmare un Europeo a un mese e mezzo dai Giochi ci vuole una bella fantasia. La scherma è la regina degli sport olimpici italiani. E anche lei faceva parte di un dream team. Io, Numa, Borella, Cerioni, Cipressa. A livello individuale vincemmo tantissimo, a squadra eravamo senza dubbio i più forti ma non abbiamo ottenuto quello che potevamo. Il motivo? Troppi galli nel pollaio, non si andava troppo d'accordo. Il suo dream team contro la squadra attuale di fioretto. Chi vincerebbe? Paragone improponibile per una serie di ragioni. La mia scherma era troppo diversa da quella di oggi. Allora, innanzitutto, c'erano più nazioni competitive. Oggi ce ne sono molte meno: l'Italia, la Cina, poco altro. Stop. Quindi l'Italia primeggia anche per mancanza di concorrenza? No, vincerebbe comunque perchè è forte davvero. E, se guardo alla situazione dello sport italiano, a come è trattato nelle scuole, agli impianti spesso carenti, certi successi sono un miracolo. In che cosa era diversa, ancora, la sua scherma da quella di oggi? Oggi si basa moltissimo sulla fisicità. Ai miei tempi c'era anche la tattica, i match duravano di più. Ricordo quando vinsi una gara di Coppa del Mondo a Parigi: gareggiai 12 ore il primo giorno e altettante il secondo. La mia finale terminò dopo mezzanotte. E potevi vincere anche se perdevi al primo turno, ma i ripescaggi erano una massacrata. Oggi non è più così. Cassarà a Londra può davvero vincere tutto? Ribadisco: può farcela là dove io ho fallito. Cervi e le Olimpiadi: tasto dolente. Nel 1980, a Mosca, per il boicottaggio dei militari, ero l'unico italiano. Dovevo fare fioretto e spada, ma prima dei Giochi mi infortunai seriamente a una caviglia. Prima di partire mi fecero un test: una corsa di 400 metri a tutto gas. Avevo un male cane, ma strinsi i denti e partii per Mosca: fui eliminato subito. Nel 1988, a Seul, feci solo la gara a squadre ma uscimmo nei quarti. E pensare che nell'84, a Los Angeles, l'Italia vinse l'oro a squadre senza di me. Come mai non andò a Los Angeles? Divergenze con il ct Fini. E così l'Olimpiade resterà per sempre il mio cruccio. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Brescia
67
Lecce
66
Palermo
63
Benevento
60
Pescara
55
Hellas Verona
52
Cittadella
51
Spezia
51
Perugia
50
Cremonese
49
Cosenza
46
Crotone
43
Ascoli
43
Livorno
39
Venezia
38
Salernitana
38
Foggia
37
Padova
31
Carpi
29
Brescia - Benevento
2-3
Carpi - Venezia
2-3
Crotone - Ascoli
3-0
Hellas Verona - Foggia
2-1
Lecce - Spezia
2-1
Padova - Livorno
1-1
Palermo - Cittadella
2-2
Perugia - Cremonese
3-1
Pescara - Salernitana
2-0
Cosenza - [ha Riposato]