27 novembre 2020

Sport

Chiudi

21.10.2020 Tags: Ciclismo

Trantik vince, Tonelli decimo Neve? Il Mortirolo è il piano B

Alessandro Tonelli: nella top ten per la prima volta al Giro d’Italia
Alessandro Tonelli: nella top ten per la prima volta al Giro d’Italia

Torna di moda lo sloveno al Giro d’Italia: è Jan Trantik a tagliare per primo il traguardo di San Daniele del Friuli a capo di oltre 200 chilometri di fuga. Nel finale riesce ad anticipare Ben O’Connor con il quale conduce le danze nell’ultima fase della tappa scattata da Udine. Il gruppo maglia rosa giunge attardato, proprio con Joao Almeida protagonista di un’accelerata che gli permette di guadagnare 2” sugli avversari. Nel giorno di Jan Tratnik c’è gloria anche per i bresciani Alessandro Tonelli (Bardiani Csf Faizanè) e Alessandro Bisolti (Androni Sidermec). Quando la tappa affronta i primi chilometri rompono gli indugi Guerrero e Visconti, in lotta per la maglia azzurra. Poi decelerano e attendono l’arrivo di 26 immediati inseguitori: tra loro il bornatese diretto da Roberto Reverberi e il valsabbino guidato da Gianni Savio. Il gruppo lascia fare e procede tranquillo, permettendo ai 28 di guadagnare anche un quarto d’ora. Nel numeroso gruppo di battistrada i nostri due valorosi corridori sono tra i più solerti nel condurre l’andatura. Entrambi stanno bene e l’avevano peraltro anticipato al termine della cronometro individuale di sabato che sarebbero andati all’attacco. Tonelli è tra gli ultimi a cedere alla stilettata di Tratnik e O’Connor che si sono giocati la vittoria di tappa. Franciacortino doc, cresciuto nella squadra di casa, conferma la sua vocazione ad attaccare da lontano. NEL FINALE quantomai pirotecnico è riuscito a non perdere la testa chiudendo decimo a 1’37” dal vincitore: suo miglior risultato di sempre al Giro d’Italia. «Sono proprio contento perché ho avvertito sensazioni molto positive. Nel finale ho perso un po’ di forza e non sono riuscito a mantenere il ritmo dei fuggitivi, però è la mia prima top ten alla corsa rosa. È un bel risultato ed è un peccato che i 200 chilometri in fuga non vengano aggiunti ai 288 percorsi in precedenza perché eravamo più di dieci all’attacco, altrimenti ora sarei sul podio nella speciale classifica». Il regolamento infatti prevede l’assegnazione dei chilometri in fuga solo se in testa ci sono al massimo dieci corridori. Con lui è tornato a farsi vedere Alessandro Bisolti, che pare abbia smaltito i postumi dell’ennesima caduta. Alla fine è stato 20° con 8’51” di ritardo, ma può archiviare la giornata con il sorriso. «Finalmente ho preso un brodino dopo aver ingoiato amaro a lungo. Rispetto alla partenza sto meglio e chissà che non riesca a ottenere un altro bel risultato prima della fine del Giro. Ci spero e se avrò l’occasione mi rifarò vedere». La tappa di ieri ha detto chiaramente che Joao Almeida sta bene e l’ha voluto dimostrare con l’accelerata finale che gli ha permesso di portare a 17” il vantaggio su Wilco Kelderman e a 2’58” su Jai Hindley. Oggi la maglia rosa dovrà respingere la probabile offensiva degli avversari: Forcella Valbona, Bondone, Durone e l’arrivo a Madonna di Campiglio potrebbero dare una prima scossa alla classifica. Un primo atto d’alta montagna a 24 ore dalla tappa dello Stelvio e a 48 da quella del Colle Agnello. In caso di maltempo la tappa di venerdì potrebbe essere ridisegnata e il piano B prevede l’ascesa del Mortirolo, negli ultimi giorni riasfaltato. Che sia stato un caso? Sicuramente un indizio da non sottovalutare. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Angiolino Massolini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie B

CLASSIFICHE
RISULTATI
Empoli
17
Salernitana
17
Lecce
15
Spal
15
Venezia
14
Chievoverona
14
Frosinone
13
Cittadella
11
Monza
10
Brescia
9
Pordenone
9
Cosenza
8
Reggina
7
Pisa
7
Reggio Audace
7
L.r. Vicenza Virtus
6
Ascoli
5
Virtus Entella
5
Pescara
4
Cremonese
3
Ascoli - Virtus Entella
1-1
Brescia - Venezia
2-2
Cittadella - Empoli
2-2
Frosinone - Cosenza
0-2
Lecce - Reggio Audace
7-1
L.r. Vicenza Virtus - Chievoverona
Pordenone - Monza
1-1
Reggina - Pisa
1-2
Salernitana - Cremonese
2-1
Spal - Pescara
2-0