LA MECCANICA IN PRESSING

«Materie prime e costo energia le sfide principali da vincere»

«Le aziende della meccanica - sottolinea il presidente di Anima Confindustria, Marco Nocivelli - continuano a soffrire la mancanza di materie prime e microchip, spesso non riuscendo a evadere gli ordini in tempi brevi. Soprattutto le imprese che lavorano nei settori collegati all’edilizia si trovano oggi ad avere un’alta richiesta di tecnologie per la casa, ma un ritmo produttivo che non riesce a soddisfare la richiesta del mercato. Per realtà di molti altri settori si tratta invece di crisi, soprattutto per quelle di trasformazione che trattano acciai e lamiere, alluminio e bronzo. Non da ultimo, il rincaro delle materie prime sta causando da circa due anni una riduzione della marginalità, con costi in aumento e l’impossibilità di scaricarli tutti sul cliente finale». Considerata la situazione fuori controllo, si rendono necessari alcuni passaggi, tra cui l’aumento della produzione di acciaio in Italia e un intervento «in maniera strutturale sul caro energia, permettendo alle aziende di alleviare l’incidenza delle bollette sui costi. Come Anima – aggiunge il presidente Nocivelli – apprezziamo le misure contenute nel decreto legge Aiuti, nel quale però mancano una visione futura e un piano effettivo per i prossimi anni sul tema energetico». Al centro dell’attenzione dell’associazione anche l’impennata dei noli marittimi, con tutto ciò che questo comporta per il sistema produttivo.