IL GRUPPO

«Formare e innovare per andare più lontano»

di Giada Ferrari
L'amministratore delegato Giovanni Lodrini: «Serve non solo stare al passo con i tempi ma anche anticipare il futuro»
L’Accademia Santa Giulia è uno dei fiori all’occhiello del gruppoGiovanni Lodrini: è l’amministratore delegato del Gruppo Foppa
L’Accademia Santa Giulia è uno dei fiori all’occhiello del gruppoGiovanni Lodrini: è l’amministratore delegato del Gruppo Foppa
L’Accademia Santa Giulia è uno dei fiori all’occhiello del gruppoGiovanni Lodrini: è l’amministratore delegato del Gruppo Foppa
L’Accademia Santa Giulia è uno dei fiori all’occhiello del gruppoGiovanni Lodrini: è l’amministratore delegato del Gruppo Foppa

Unica realtà formativa a livello nazionale che parte dall’asilo nido e arriva alla formazione permanente e continua, nonché inventrice del sistema universitario ITS: questa è la cifra del Gruppo Foppa «alla quale aggiungiamo uno dei nostri segreti storici e fondanti: l’attenzione al mondo del lavoro - spiega l’amministratore delegato Giovanni Lodrini -. Il che significa creare figure professionali, in uscita dai nostri istituti, che non solo possano trovare una propria gratificazione nella vita lavorativa, ma soprattutto persone che servono al mondo del lavoro». Intercettare bisogni reali, imboccare strade didattiche innovative, ricorrere a tecnologie avanzate, allo scopo di coniugare la cultura al fare e saper fare: questa è parte della mission del Gruppo che vuole operare a 360 gradi nella sfera della formazione, collegandola al mondo del lavoro grazie anche al radicamento nella propria realtà territoriale: «Più del 90% dei docenti dell’ITS, dell’Accademia e del San Clemente sono professionisti - sottolinea Lodrini -. Hanno la loro attività professionale, sono dirigenti d’azienda, tecnici altamente specializzati, imprenditori, questi sono i nostri docenti. È da considerare che su quasi 700 docenti, circa 600 provengono dal mondo del lavoro e le competenze che possono trasferire ai nostri giovani sono quelle che si vivono quotidianamente oggi nelle aziende». Competenze concrete, aggiornate, che danno una marcia in più agli studenti «tant’è che molte volte sono proprio i nostri giovani i primi ad essere i più innovativi, ad avere le idee più all’avanguardia, a potenziare uno strumento o un software già esistente in azienda - prosegue Lodrini -. A esempio uno dei nostri ragazzi, assunto dopo gli studi, ha fatto girare l'azienda in maniera totalmente diversa e nuova, e questa è una bella soddisfazione».

Soddisfazione che trova conferma anche nei numeri: il Gruppo Foppa ha all’attivo un elenco di più di 4.000 aziende sul suolo nazionale e ogni anno avvia collaborazioni con più di 1.000, ad oggi si attesta su circa 5.000 studenti iscritti, più di 700 tra docenti e collaboratori e si avvia verso le 120.000 ore di formazione all'anno erogate: «ITS e Accademia, in particolare, hanno decuplicato le iscrizioni nell’arco di una decina d’anni, con un aumento delle matricole del 40% ogni anno e, per il 2023-2024, prevediamo un aumento di oltre il 50%». Studenti che per venire a studiare a Brescia si spostano da ogni regione d’Italia. Soddisfazione che arriva dall’innovazione, uno dei pilastri del Gruppo Foppa: «Che vuol dire non solo essere al passo coi tempi, ma anche cercare di essere sempre più avanti, cioè di guardare con attenzione a quello che è l'oggi con uno sguardo sempre rivolto al futuro - spiega Lodrini -. In questo modo si fa una formazione utile, adeguata a quello che serve oggi e che può servire anche al domani». Non a caso i corsi vengono pensati e programmati in stretta sinergia con le aziende, realizzando una formazione rispondente a ciò che il mondo del lavoro oggi richiede: dalla comunicazione al marketing, dal campo del design a quello dell’innovation management, fino alla moda. Un lavoro che da come risultato finale delle professionalità richiestissime dalle aziende in tali settori: «In particolare, oggi abbiamo un numero di laboratori impressionante, talmente aggiornati che abbiamo aziende che vengono a vedere la nostra strumentazione e i nostri software», aggiunge Lodrini. Innovazione, formazione, continua ricerca per dare sempre più soddisfazione ai ragazzi, per rispondere ai loro desideri e a quelli delle aziende che hanno necessità sempre diverse. «L’idea è, in futuro, di avviare corsi che tocchino aree nuove - chiude Lodrini -. Sono le stesse aziende del territorio bresciano e lombardo che ci chiedono di spaziare, di promuovere nuovi corsi. I ragionamenti si muovono, per adesso, su due temi: l’innovation e il meccatronico». Novità che, ad oggi, sono solo qualcosa di più di un pensiero e che vogliono seguire la vocazione del Gruppo: formare.  •. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Suggerimenti