L’appuntamento

Stefano Maiolica fa tappa a Brescia con Oltrecultura

Al Vita l'influencer dei fuorisede. La sua pagina «unterroneamilano» conta milioni di follower

Da Salerno a Milano: l’influencer dei fuorisede, Stefano Maiolica, autoproclamatosi «unterroneamilano» – la sua pagina che sui social conta milioni di follower, furoreggiando appunto tra i fuorisede di Milano (e non solo), per cui è diventata punto di riferimento oltre che d’incontro – fa tappa a Brescia.

Appuntamento stasera alle 18,30 al Vita di Piazzale Arnaldo, in città, con il nuovo appuntamento di OltreculturaFEST, progetto del Gruppo editoriale Athesis inserito all’interno del palinsesto ufficiale di Bergamo Brescia Capitale italiana della cultura 2023. La partecipazione in presenza è gratuita, previa registrazione sul sito www.bresciaoggi.it.

Il pubblico avrà inoltre la possibilità di seguire l’evento in live streaming sul sito e sulla pagina Facebook del nostro quotidiano, oltre che sul profilo Linkedin del Gruppo editoriale Athesis, sui siti delle altre testate del gruppo (larena.it, ilgiornaledivicenza.it, telemantova.it) e tutti i relativi canali social.

Chi è Maiolica

Sull’orlo dei trenta, nel 2016, Stefano Maiolica ha deciso di lasciare la sua città di origine, «perché sentivo il bisogno di uscire dalla comodità della mia stanzetta per provare a realizzare i miei sogni…Ho scelto Milano in modo da poter avere il futuro a cinque ore di treno da casa. Così, ho fatto le valigie, ho spezzettato il mio cuore e sono salito sul treno che mi avrebbe cambiato la vita per sempre. In questi anni ho dovuto affrontare tantissime sfide: la ricerca di una stanza decente e a un costo accessibile, il costo della vita a Milano e la tanta nostalgia di casa. Ma queste sfide mi hanno aiutato a capire davvero chi sono e ho deciso di condividerle. Così, una notte di maggio del 2018, ho realizzato che la mia storia era la storia di tanti e che sarebbe potuto essere utile raccontare la mia esperienza per aiutare gli altri. Così è nato “unterroneamilano“, pagina Instagram che ho chiamato in questo modo perché non volevo tabù attorno a questo termine. E in questi anni ne sono successe di cose». Una storia tutta da raccontare e da ascoltare...stasera al Vita.

Suggerimenti