Ermal Meta, a lungo mi sono sentito un invisibile