La variante inglese, sudafricana e giapponese

Le mutazioni del coronavirus conosciute finora