la pandemia

La Lombardia resta in zona gialla, a Brescia 4.473 nuovi casi positivi

La Lombardia resta "gialla" anche la settimana prossima perché, come ha spiegato il presidente Attilio Fontana in mattinata, «uno dei tre parametri previsti per il passaggio di zona (quello delle terapie intensive, ndr) è ancora sotto la soglia di allarme». Il numeri dei contagi, inoltre, sono  in leggera diminuzione con il tasso di positività oggi al 15,8% rispetto al 16,7% di ieri. Il bollettino dei dati giornalieri relativi al Covid rimarrà invariato nessuna indicazione è infatti arrivata dal ministero della Salute sull’eventuale scorporo, nei conteggi, dei pazienti positivi ricoverati in ospedale per altre patologie e quindi la Regione non ha inserito questa distinzione pur avendo annunciato che, da oggi, è «in grado di distinguere all’interno dei "ricoveri Covid positivi" dei propri ospedali, quali ricoveri afferiscono direttamente a una patologia "Covid-dipendente"».

Con 214.163 tamponi effettuati è di 33.856 il numero di nuovi casi di Covid registrati in Lombardia. In crescita il numero di ricoverati in terapia intensiva (+5, 262) e nei reparti (+17, 3.469). Sono 115 i decessi, che portano il totale a 35.777 da inizio pandemia. Per quanto riguarda le province, sono 10.450 i positivi segnalati a Milano (di cui 4.188 a Milano città), 2.999 a Bergamo, 4.473 a Brescia, 1.998 a Como, 1.087 a Cremona, 897 a Lecco, 821 a Lodi, 1.433 a Mantova, 2.709 a Monza e Brianza, 1.855 a Pavia, 961 a Sondrio e 2.976 a Varese.