giovedì, 21 novembre 2019
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

07.11.2019

Operazione Darknet
Gestori nascosti
dietro nomi politici

Utilizzavano nomi di politici per coprire le vere identità in Internet. Sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza, nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Brescia tre amministratori del black market denominato ’Berlusconi market’, attivo nel web criptato. ’Berlusconi market’ è ritenuto un vero e proprio mercato online in cui numerosi venditori pubblicizzano e propongo in vendita merci e servizi illegali. Il sito era gestito da due nickname di cui uno «VladimirPutin» con il ruolo di amministratore e l’altro «EmmanuelMacron» quale moderatore. Da gennaio 2019 ’Berlusconi market’ ha rappresentato il più importante mercato del dark web con oltre 100.000 annunci di prodotti illegali tra droga e armi. Venivano anche venduti documenti di identità false nazionali ed esteri. I tre arrestati in carcere sono residenti in Puglia.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1