Cura del lavoro e della
famiglia: un carico pesante
per le donne

By Athesis Studio

Molte donne stanno vivendo con difficoltà questo periodo di quarantena. Tra coloro che sono ancora bloccati a casa, infatti, non rientrano solo impiegati in smart working e lavoratori costretti ad interrompere la propria attività. Troppo spesso viene dimenticato il peso del lavoro casalingo e di cura: un carico che in molti casi grava ancora sulla componente femminile. Molte donne, per di più, devono dividersi tra occupazione e faccende domestiche, accudendo anche un familiare anziano o un minore. Come ha sottolineato il “New York Times”, le misure emergenziali ricadono in maniera dura sulle donne. Una considerazione che fa anche riferimento all’aumento delle violenze domestiche. Ecco perché la Società italiana degli economisti ha chiesto che nella task force del Governo istituita per la ripartenza venga inclusa anche una componente femminile.

UN CARICO ECCESSIVO
I dati Ocse parlano chiaro: le donne italiane lavorano, ogni giorno, in media un’ora e mezza in più degli uomini se si sommano anche i compiti domestici. Come sottolinea Marcella Corsi, professoressa di economia e fondatrice della rivista inGenere, “lo smart working può essere un incubo, soprattutto se costretti in uno spazio limitato. Spesso i tempi di lavoro si dilatano e ci si sente sempre reperibili”. Una visione con cui concorda anche il movimento femminista “Non Una di meno”, che ha recentemente coniato lo slogan: “Lavoro da casa e lavoro di casa: praticamente lavoro 24 su 24”. Un piccolo aiuto, da parte delle istituzioni, è arrivato col decreto Cura Italia del 16 marzo. Questa misura ha, infatti, stanziato 1,2 miliardi per i voucher babysitter o per i congedi parentali.

VIOLENZA DOMESTICA
A complicare la condizione di molte donne in questo periodo c’è, infine, la violenza domestica. Uno studio dell’Istat mostra come 2 milioni e 800mila donne abbiano subito violenze dal partner, nella propria vita. Il 13% del campione. Un ritorno alla normalità più consapevole può davvero fare la differenza anche nel condannare ed eliminare episodi di questo tipo.