L’APPUNTAMENTO

Innovazione e capitale umano aspettando il Festival del Futuro

L'evoluzione industriale a Brescia analizzata con Camozzi, Fracassi, Brunello e Tira Mamoli: «Il modello territoriale un esempio nazionale». Bollis: «Studenti protagonisti»
Un momento dell’appuntamento di un anno fa a Brescia FOTO ONLY CREW
Un momento dell’appuntamento di un anno fa a Brescia FOTO ONLY CREW
Un momento dell’appuntamento di un anno fa a Brescia FOTO ONLY CREW
Un momento dell’appuntamento di un anno fa a Brescia FOTO ONLY CREW

Ricerca di avanguardia per un’industria che evolve rapidamente rivolgendosi all’automazione e all’innovazione. Sempre più imprese fanno ricorso all’AI e alle nuove tecnologie, come le stampanti 3D che trovano a Brescia avamposti notevoli. Apertura mentale, creatività, fattore umano: se ne parlerà domani alle 18 all’appuntamento con «Aspettando il Festival del Futuro Brescia». Si tratta del primo dei due eventi preparatori della manifestazione in programma dal 24 al 26 novembre al Palazzo della Gran Guardia a Verona, promosso dalla piattaforma di studio e divulgazione scientifica Eccellenze d’Impresa, da Harvard Business Review Italia e dal Gruppo editoriale Athesis. «L’industria che verrà. Dall’AI al 3D: ricerca, automazione e fattore umano» è il titolo dell’evento bresciano, di cui il quotidiano Bresciaoggi è media ufficiale. Lo ospiterà l’auditorium dell’Accademia di Belle Arti Laba in via Vender 66 a Brescia. Sarà l’occasione giusta per un dibattito sul ruolo dell’intelligenza artificiale e delle nuove tecnologie, senza trascurare l’importanza del capitale umano. «In questa città l’innovazione tecnologica e la produzione industriale vanno a braccetto – sottolinea Massimo Mamoli, direttore di Bresciaoggi –. Il modello territoriale che collega le fabbriche alla ricerca e alla formazione è un esempio che ha caratura nazionale». Dopo il saluto iniziale del sindaco di Brescia Emilio Del Bono e del direttore dell’Accademia di Belle Arti Laba Marcello Menni, saliranno sul palco di Aspettando il Festival Lodovico Camozzi, presidente e ad di Camozzi Group Spa, Cristian Fracassi, founder e ceo di Isinnova Srl, Maurizio Tira rettore dell’Università di Brescia, Paolo Bettoni, presidente Ente sistema edilizia Brescia, Giulia Baccarin, founder e ceo di Mipu – Predictive Hub e Mario Bonomi, plant manager di Rubinetterie Bresciane Bonomi Spa, Sonia Bozza, responsabile area esercizio di Acque Bresciane. Tra i relatori dell’evento anche Michele Brunello, professore di Metodologia della progettazione dell’Accademia di Belle Arti Laba di Brescia. «La collaborazione di Bresciaoggi con la Libera Accademia di Belle Arti – afferma Alberto Bollis, vicedirettore di Bresciaoggi – si sta sviluppando. Fra i ragazzi che seguono i corsi di Laba, alcuni saranno protagonisti sul palco con una dimostrazione pratica sul funzionamento e sulle potenzialità delle stampanti 3D. Altri parteciperanno in prima persona alle fasi operative dell’allestimento, della messa a punto tecnica e della regia. Una vera palestra di formazione». Ad aprire l’incontro, condotto dai giornalisti di Bresciaoggi Paola Buizza e Gian Paolo Laffranchi, sarà uno dei tre promotori del Festival del Futuro: Luigi Consiglio, presidente di Gea Consulenti di direzione e Ceo di Eccellenze d’Impresa che organizza il Festival insieme a Matteo Montan, amministratore delegato del Gruppo editoriale Athesis ed Enrico Sassoon, direttore responsabile di Harvard Business Review Italia, presidente di Eccellenze d’impresa e direttore scientifico del Festival.

È possibile iscriversi all’evento per partecipare in presenza dal sito bresciaoggi.it o da quella del Festival. L’evento potrà essere seguito, inoltre, in live streaming su bresciaoggi.it e sulla pagina Facebook del quotidiano, sul sito festivaldelfuturo.eu e relativa pagina Facebook. Con questa anteprima si apre la stagione dedicata al Festival del Futuro in programma a Verona dal 24 al 26 novembre – dal titolo «Il nuovo (dis)ordine mondiale. Come affrontare e vincere le grandi sfide del futuro» – che vedrà una seconda tappa intermedia di Aspettando il Festival il 26 ottobre a Vicenza. L’evento è promosso dal Gruppo editoriale Athesis, Eccellenze d’Impresa e Harvard Business Review Italia, con il patrocinio della Rappresentanza a Milano della Commissione europea e del Comune di Brescia. Partner istituzionale è Confindustria Brescia. Main partner dell’evento è Pastificio Rana. Local main partner è Acque Bresciane. Aspettando il Festival Brescia è supportato dai local partner Banca Valsabbina e Camozzi Group, dal local supporter Gruppo Brescia Mobilità. Hosting partner Accademia di Belle Arti Laba Brescia.•.