Cybersicurezza, ecco i profili di lavoro più richiesti in Italia

Foto Ansa
Foto Ansa
Foto Ansa
Foto Ansa

Simulatore di attacchi informatici, hacker etico, analista di scenari. Sono i tre profili di lavoro più richiesti dalle aziende in Italia in ambito cybersicurezza, un settore in forte espansione con l’accelerazione della digitalizzazione e il conseguente aumento della criminalità online. In Italia il problema del "talent shortage", ovvero la difficoltà dei datori di lavoro nel reperire le persone con le giuste competenze si attesta al 76%, come emerso dalla ricerca condotta da ManpowerGroup. A fare il punto è l’ultimo Rapporto Clusit sulla cybersicurezza che ha delineato una situazione mondiale da allarme rosso: in sei mesi gli attacchi «devastanti» sono passati dal 49% al 74%.

Nel nostro paese sta prendendo forma l’Agenzia nazionale per la cybersicurezza, istituita con la legge del 4 agosto 2021. Per far fronte alla carenza di talenti in questo settore le aziende oggi si affidano sempre di più a cacciatori di teste con un aumento delle richieste di profili tecnici a discapito dei profili manageriali che nei primi sei mesi del 2021 - spiega il Rapporto - hanno subito una leggera flessione. Secondo l’analisi dei dati di Linkedin Talent Insights e di Experis Italia, i professionisti del settore in Italia sono circa 6.000. La durata media di impiego è di un anno e mezzo, in linea con la media dei professionisti in ambito tecnologico.

Le regioni italiane in cui si trova la maggiore concentrazione sono Lombardia, Lazio e Piemonte; mentre le università più frequentate dagli esperti di cybersecurity sono la Sapienza di Roma, l’Università degli Studi di Milano, il Politecnico di Milano e il Politecnico di Torino.