SINDACI DI LUNGO CORSO

De Pedro incassa il tris ma la lista «importata» lascia segni a Paspardo. Le preferenze e gli eletti.

La nuova affermazione elettorale non è stata un plebiscito

Tra chi conosce bene questo paese c’erano ben pochi dubbi sul successo elettorale di Fabio De Pedro a Paspardo; un successo che evidentemente non si è esaurito neppure sul lungo periodo. Perché il professionista del paese, va ricordato, si è presentato alla sfida per il terzo mandato, e ha colto in pieno nel segno guidando la lista «Obiettivo Comune 3». Non solo: il numero 3 per lui è stato fortunato. Tanto da lasciare stupiti per le dimensioni dell’accoglienza ricevuta e per la distanza che lo ha separato dal pur buonissimo successo riportato dal suo competitore, il cevese Gian Carlo Bazzana, che alla guida della lista trapiantata «Valle Camonica Provincia - Basta tasse» ha ottenuto 106 voti (pari al 31,4%) nonostante non avesse con sé nessun candidato residente a Paspardo. Cinque anni fa De Pedro correva da solo e aveva riportato 303 consensi. Questa volta sono stati 232, 18 le schede bianche e 22 le nulle, e quanto è successo ha dimostrato che una buona fetta di elettori ha perso fiducia nella sua amministrazione o ha preferito agganciarsi a un messaggio politicamente più provocatorio. Ed ecco il travaso di voti sulla squadra letteralmente inserita nel contesto locale. Così Bazzana ha potuto godere di un benefit inatteso che lo ha ovviamente gratificato.

CLICCA QUI PER VEDERE TUTTE LE PREFERENZE

 

 

Anche per il prossimo mandato il sindaco confermato potrà contare su tutti i membri della sua squadra, delle competenze del suo vice Cati Dassa, al suo quarto mandato e la più votata (con 52 preferenze), dell’esperienza di Aristide Salari (48 consensi) e di Enrica Ruggeri (29 voti per lei), la presidente del Consorzio della castagna di Valle Camonica che in questi ultimi anni ha saputo ridare fiato ai bilanci e all’attività dell’ente. De Pedro ha rivolto un ringraziamento ai suoi elettori che per la terza volta hanno premiato il suo impegno e quello della sua (quasi) invariata squadra. Il programma del riconfermato sindaco è ambizioso, mirato a rispettare un programma che alla voce «Arredo urbano e infrastrutture pubbliche» prevede una serie di opere in grado di cambiare l’aspetto del paese. Una di queste gli sta particolarmente a cuore: la passerella di collegamento sulla forra del torrente Re fra il castello di Cimbergo e il percorso vita in località Olp, nel suo Comune, non prima d’aver realizzato con la parrocchia la riqualificazione dell’edificio dell’ex colonia estiva e dell’oratorio. Gian Carlo Bazzana giudica eccellente il consenso elettorale avuto, molto al di là delle migliori aspettative. Per questo ringraziando gli elettori del paese e in vista del ruolo di minoranza si dice animato da uno spirito collaborativo: «Proporremo la nostra mozione sulla Valcamonica Provincia e coopereremo con la maggioranza per il recupero dell’oratorio San Gaudenzio. Saremo attenti al bilancio e lavoreremo per quanto nelle nostre possibilità per far crescere Paspardo».•. L.Ran.