MURA

Il Flocchini due parte all’insegna dei giovani. Le preferenze e gli eletti.

di Massimo Pasinetti
Dopo i brindisi si ricomincia «ma non ci siamo fermati neppure prima del voto

In questo caso si è di fronte a una conferma, e la gestione amministrativa dell’ente locale è ampiamente rodata. Ecco perché il dopo elezioni di Mura prevede la convocazione del primo consiglio comunale del secondo mandato di Nicola Angiola Flocchini sicuramente già la prossima settimana, «ma per ora ancora non ci pronunciamo sul giorno esatto». E i due eletti da inserire nella nuova giunta? «Ora ne parlerò con i miei ragazzi - risponde Flocchini - posso tranquillamente chiamarli così, visto che se il più giovane ha 23 anni il più “anziano” ne ha 51, ma è probabile che la scelta ricada su quelli che hanno ricevuto il maggior numero di preferenze. Ne hanno totalizzati entrambi 23, e sono Fabio Veith, 29 anni, e Roberto Freddi, un 33enne». Stiamo parlando di due amministratori già in attività nella giunta uscente: erano uno vicesindaco e l’altro assessore, e possono quindi contare sull’esperienza già maturata sul campo.

CLICCA QUI PER VEDERE TUTTE LE PREFERENZE


 

 

I primissimi impegni oltre al consiglio comunale dell’insediamento? «Si riprende a lavorare per Mura e i suoi, anzi, i nostri concittadini. Anche se in realtà non avevamo mai smesso di darci da fare, neanche in questi giorni che hanno preceduto il voto. La prima operazione cantieristica da portare a termine - continua la sindaca -, sarà quella, già prevista, di mettere in sicurezza e ripavimentare in porfido la piazza Paolo VI, grazie al contributo da 84mila euro arrivatoci dal Governo». È ancora presto per definire tempi precisi perché «in realtà, per dare il via ai lavori stiamo aspettando l’atteso intervento di a2a che nella stessa piazza deve posare diversi sottoservizi. Successivamente il nostro intervento metterà in sicurezza il parcheggio della piazza e si occuperà del rifacimento della pavimentazione. Guardiamo già ai passi successivi, ma le nostre casse sono un po’ povere, quindi bisognerà andare alla ricerca di nuovi finanziamenti sovraccomunali per realizzare altri progetti». Che cosa dicono i ragazzi che a Mura si sono messi in gioco diventando coprotagonisti del suo secondo mandato? «Sono davvero entusiasti per come è andata. Lunedì sera abbiamo fatto festa con un buon prosecco e con i pasticcini, ma nei prossimi giorni arriverà anche la pizza. Insieme naturalmente da tanto lavoro da portare avanti per il paese».•.