None

Terre di Mille Miglia

La Freccia Rossa a Firenze
La Freccia Rossa a Firenze
La Freccia Rossa a Firenze
La Freccia Rossa a Firenze

«Terre di Mille Miglia» è un’idea affascinante per contenuto. Costruire una sorta di comunità dei paesi legati al transito della corsa per unire idealmente i 1600 chilometri della corsa. Un destino comune a oltre 400 comuni, tantissimi bresciani, che per fregiarsi del titolo dovranno versare 1000 euro nelle casse dell’Ati. Curiosamente però nella lista dei comuni presentata dal comitato organizzatore compaiono anche zone che con la Mille Miglia hanno ben poco a che vedere: da Pontedilegno a Sonico, senza tralasciare altri Comuni della Valcamonica. Complessivamente, su scala nazionale, sono 480 comuni distribuiti in 11 regioni durante le 24 edizioni della Mille Miglia storica (1927-1957). E la Valcamonica? Ecco svelato l’arcano: gli organizzatori hanno deciso di considerare anche il Mille Miglia Rally che si è disputato dal nel 1958, 1959 e nel 1961, dopo l’interruzione della Mille Miglia dovuta all’incidente a Guidizzolo in cui morirono diversi spettatori.
UNA SCELTA che nasconde un’incongruenza: considerando valide anche le tre edizioni del Mille Miglia Rally, sarebbe lecito aspettarsi che anche le vetture che hanno partecipato a quella manifestazione siano iscrivibili alla corsa. Invece per l’Ati solo le macchine che hanno partecipato alla Mille Miglia storica possono prendere parte alla rievocazione.

Suggerimenti