CHIUDI
CHIUDI

06.06.2019

In moto contro
un’auto: perde
la vita a 37 anni

La Poliambulanza dove è morto il meccanico di Borgosatollo
La Poliambulanza dove è morto il meccanico di Borgosatollo

Valerio Morabito Cinzia Reboni La corsa a sirene spiegate verso la Poliambulanza non è bastata a salvargli la vita. All’arrivo al pronto soccorso della clinica i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso di Paolo Coccoli. Il meccanico 37enne residente in via San Francesco a Borgosatollo non è sopravvissuto alle gravi ferite riportate nello schianto tra la sua moto e un'auto, avvenuto poco prima delle 19 di ieri a Castenedolo. Stando alla prima ricostruzione della Polizia locale, per cause ancora in fase di accertamento la vittima - che viaggiava in sella a una Kawasaki - è entrata in rotta di collisione con un’auto che stava svoltando a sinistra in località Capodimonte. Paolo Coccoli - contitolare di un’autofficina - lascia la moglie. L'incidente è avvenuto in via Monte Pasubio, sul lungo rettilineo che dal capoluogo porta alla frazione di Castenedolo. L’auto nel compiere la manovra non si sarebbe accorta della moto che sopraggiungeva dalla direzione opposta. L’impatto è stato inevitabile. Paolo Coccoli dopo l’urto è stato disarcionato finendo sull’asfalto. Il 112 ha inviato sul luogo dello schianto un’autoambulanza dei volontari di Mazzano. Lungo il tragitto verso la Poliambulanza le condizioni del 37enne sembravano essersi stabilizzate, ma varcato l’ingresso del pronto soccorso il cuore di Paolo Coccoli ha smesso di battere. La notizia della tragedia si è rapidamente diffusa a Borgosatollo. TRA I PRIMI MESSAGGI di cordoglio postati su Facebook, quello dei responsabili della palestra di boxe che Paolo Coccoli frequentava da anni. Una delle sue grandi passioni. «Abbiamo appena appreso con fortissimo dispiacere la triste notizia. Il nostro caro Paolì è venuto a mancare improvvisamente, lasciandoci nel dolore - si legge nel post -. Faceva parte della Boxe & Boxe praticamente da sempre, quindi circa 12 anni. Abbiamo perso un membro della nostra grande famiglia, anche se la tua anima ne farà sempre parte. Siamo ancora increduli. Non sentiremo più la sua risonante risata che spiccava sopra ogni altra cosa, ma resterà impressa indelebile nei nostri cuori, come il suo immenso sorriso e le sue battutine punzecchianti, perché lui era così, spumeggiante», scrivono Elisa Cumini e Cristian Dolzanelli della Boxe & Boxe. •

Valerio Morabito Cinzia Reboni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1