L'AGGRESSIONE

Difende una ragazza e viene pestato a sangue

Un episodio emblematico alla vigilia della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne che testimonia come sia in salita la strada della cultura del rispetto del prossimo
I soccorsi prestati a Luca Grassi vittima di un pestaggio per aver cercato di difendere una ragazza
I soccorsi prestati a Luca Grassi vittima di un pestaggio per aver cercato di difendere una ragazza
I soccorsi prestati a Luca Grassi vittima di un pestaggio per aver cercato di difendere una ragazza
I soccorsi prestati a Luca Grassi vittima di un pestaggio per aver cercato di difendere una ragazza

Lui è stato pestato selvaggiamente, la sua famiglia minacciata di morte. La «colpa» del 43enne di Ghedi finito ieri in ospedale vittima di una brutale aggressione? Essere intervenuto in difesa di una ragazza presa a schiaffi dal compagno in mezzo alla strada. Un episodio emblematico alla vigilia della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne che testimonia come sia in salita la strada della cultura del rispetto del prossimo. La doppia aggressione si è consumata ieri alle 18,30 quando Luca Grassi, autista, figlio del commendatore Alfredo, persona stimata e conosciuta in paese, stava conversando con la moglie, gli zii e parenti arrivati dal Sud, in piazza Roma. Ad un tratto il dialogo è stato interrotto e soverchiato da una raffica di bestemmie e insulti a sfondo sessuale che un 30enne rivolgeva alla sua compagna, con la quale stava litigando seduto sul muretto dietro la pensilina della fermata degli autobus. (...)

Leggi l’articolo integrale sul giornale in edicola

Milena Moneta

Suggerimenti