CHIUDI
CHIUDI

05.08.2020 Tags: Montichiari

Ecoeternit, un
accordo che
«aiuta» l’ambiente

La Ecoeternit darà al Comune 320 mila euro per opere ambientaliLa discarica Ecoeternit ha una capacità di 526 mila metri cubi ed è già riempita per oltre 250 mila
La Ecoeternit darà al Comune 320 mila euro per opere ambientaliLa discarica Ecoeternit ha una capacità di 526 mila metri cubi ed è già riempita per oltre 250 mila

Nuovo accordo tra il municipio di Montichiari e la discarica Ecoeternit. Nella convenzione, tra l’altro, è previsto «l’impegno del Comune ad autorizzare l’allaccio delle acque di scarico industriali provenienti dall’impianto di smaltimento alla fognatura comunale. Tutte le opere necessarie sono a carico della società Ecoeternit». IN SOSTANZA le parti si sono incontrate e hanno aggiornato la convenzione stipulata nel 2012. Così è stato dato il via libera ad alcune novità per la presenza del sito di smaltimento di rifiuti in amianto a Vighizzolo. In primo luogo la «ditta si impegna a ricevere in discarica una quantità annuale pari a cinquecento metri quadri, originati da operazioni di bonifica di immobili di proprietà comunale», con la possibilità di arrivare fino a un tetto massimo complessivo di ottomila metri quadrati, «restando a carico del Comune la relativa tassa regionale». IN SECONDO LUOGO, a partire da quest’anno, «la Ecoeternit verserà per otto anni una somma annuale al Comune pari a quarantamila euro che dovrà essere utilizzata dall’ente per la realizzazione di iniziative di interesse pubblico, con riferimento alla tutela ambientale, come piantumazioni, mitigazioni ambientali, interventi sul territorio per la rimozione e il confinamento di strutture in eternit». L’importo complessivo dovuto dalla ditta al Comune è di 320 mila euro. Le risorse, che il Comune utilizzerà per la rigenerazione ambientale del territorio di Montichiari, troveranno riscontro in azioni da concretizzare entro cinque anni dalla data di completamento delle attività di conferimento in discarica. Se queste somme non dovessero essere impiegate, l’ente pubblico sarà costretto a restituirle alla Ecoeternit. NELLA CONVENZIONE, tra l’altro, è previsto «l’impegno del Comune ad autorizzare l’allaccio delle acque di scarico industriali provenienti dall’impianto alla fognatura comunale. La discarica oggetto nella nuova intesa è una delle quattro ancora attive nell’Ate 43 nel territorio di Vighizzolo. L’impianto ha una capacità di 526 mila metri cubi ed è già riempito per oltre 250 mila metri cubi di materiali adatti al conferimento. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Valerio Morabito
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1