Il Leone d’oro accende di speranza il futuro

La storica piazza Cavour ospiterà le tre cerimonie nel mese di maggio
La storica piazza Cavour ospiterà le tre cerimonie nel mese di maggio

•• La città di Rovato pensa positivo e nonostante la strettoia del Covid resti ancora angusta lancia un messaggio di speranza proiettato all’imminente primavera. È stata fissata la data di consegna di duecentosessanta borse di studio e dei tre Leoni d’oro. Entrambe le cerimonie calendarizzate come sempre a novembre in occasione della ricorrenza di san Carlo Borromeo, patrono di Rovato sono state annullate a causa della pandemia. Verranno proposte in concomitanza con le cresime di maggio. Gli eventi che avranno come location piazza Cavour, saranno comunque con il pubblico contingentato. Già definiti i destinatari del Leone d’oro, massima onorificenza di Rovato. Il primo sarà assegnato a Tarcisio Mombelli Serina, storico comandante della Polizia locale e giornalista. Direttore di gare di altissimo livello è stato co-fondatore e presidente della prestigiosa Sezione arbitri di Chiari. Direttore del Mercato di Rovato e responsabile dell’ufficio Commercio, Mombelli Serina si dedica ancora alla scrittura su diversi periodici. Il secondo Leone d’oro sarà appannaggio di Giacomo Fogliata co-fondatore dell’associazione Amici per il cuore che guida in veste di presidente da oltre 20 anni. Ha rivestito, tra gli altri, l’incarico di presidente della Rsa creando l’associazione di volontari Amici della Casa di riposo Lucini Cantù. Consigliere comunale per 10 anni ha fatto parte del direttivo della Fondazione Cogeme. Nel 2019 è stato insignito del titolo di Cavaliere della Repubblica italiana. Il terzo riconoscimento civico sarà assegnato ad Elvio Simonato professore di educazione fisica prima al liceo Gigli e poi alle scuole medie di Rovato. Grande appassionato e allenatore della palla ovale e co-fondatore nel 1976 del Rugby Rovato. È stato allenatore in seconda della nazionale italiana, partecipando nel 1991 al campionato del mondo in Inghilterra. Ha insegnato inoltre per diversi anni nella facoltà di scienze motorie di Brescia. Nel 2009 si è iscritto alla Scuola Ricchino e nel 2016, con un gruppo di amici fonda l’associazione Tornitori Franciacorta, di cui è vicepresidente. «Purtroppo il covid ci ha privato di molti momenti di socialità – osserva il sindaco Tiziano Belotti – confidiamo che a maggio la situazione possa essere migliorata, e che tra sacro e profano, si possa recuperare una giornata di gioia per la comunità. Anche se a turnazione e con tutte le osservanze del caso». •.