CHIUDI
CHIUDI

28.11.2020

Il polo della sicurezza e le insicurezze collettive

Quanto vale la sicurezza? Quella percepita e quella reale? Nel Paese italico dove la presunta insicurezza è diventata la propaganda politica più efficace, Corte Franca va controcorrente. Rinuncia al polo dell’emergenza perchè lo ritiene inutile. Una scelta annunciata, ma coraggiosa. Meglio investire il milione di euro in altre priorità. Tanto più che la zona scelta per l’opera, a sentire gli amministratori, era a rischio idrogeologico. Un paradosso considerato che avrebbe dovuto ospitare anche il quartier generale della Protezione civile specializzata in calamità naturali. I volontari e la Polizia locale hanno spazi adeguati, incalza il neosindaco. Tutto bello, tutto giusto. Ma la domanda sorge spontanea: chi ha programmato l’opera ha preso un abbaglio, o al contrario ha prevalso la tentazione iconoclasta di ogni esecutivo che riconquista il potere? La risposta ai posteri. Ma non siamo...sicuri che arriverà.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1