CHIUDI
CHIUDI

13.07.2019

La «A21» chiude per la posa del nuovo ponte

La struttura portante del ponte che sarà posata stasera
La struttura portante del ponte che sarà posata stasera

Anche se le grandi vacanze d’agosto sono ancora lontane, queste sono ore e giornate di grande traffico sulla rete autostradale. Per cui crea qualche preoccupazione la scelta (necessaria) di bloccare per un fine settimana estivo la «A21» per far tornare in vita il famoso ponte di Montirone. Autovie Padane è comunque riuscita a bloccare la propria arteria per 14 ore, ovvero dalle 20 di oggi fino alle 10 di domani. In questo non brevissimo arco di tempo, i tecnici dovranno posare l’imponente struttura in acciaio dipinta nella giornata di giovedì e costruita da un’impresa friulana che rappresenta il «cuore» del manufatto che tornerà a collegare Montirone a Poncarale. Sarà un’operazione complessa e delicata, e in ragione di ciò, in un primo momento si era pensato di chiudere l’autostrada per qualche ora in più. Autovie Padane aveva previsto lo stop del tratto Manerbio-Brescia Sud (con l’uscita obbligatoria dei veicoli sulla viabilità ordinaria) dalle 22 di ieri alle 24 di domani. Una parentesi troppo ampia, soprattutto in questo periodo segnato dalle grandi partenze. DETTO dei tempi decisi e previsti restano da ricordare le prescrizioni per gli utenti. Per i veicoli in arrivo da Piacenza è prevista l’uscita obbligatoria a Manerbio, mentre per quelli provenienti da Brescia è stata disposta l’uscita obbligatoria allo svincolo di Brescia Sud. Tornando alle operazioni di posa dell’enorme struttura in acciaio, oltre a essere delicate richiederanno l’impiego di due enormi gru, che solleveranno l’impalcatura metallica su due pilastri in cemento armato. Nella serata odierna, per allontanare i curiosi che probabilmente si avvicineranno all’area di cantiere intasando potenzialmente la strada, sulla provinciale 24 sarà presente una pattuglia della polizia locale di Montirone. E per l’occasione, nel momento in cui verrà poggiato il ponte saranno sul posto sia il sindaco di Montirone sia quello di Poncarale. «È un momento che la nostra comunità attende da mesi - ricorda il primo cittadino di Montirone Eugenio Stucchi -, visto che questo viadotto è vitale per il commercio, l’industria e ovviamente per tutti i cittadini». DOPO la riapertura domenicale della A21 scatterà l'ultimo step. Ovvero il conto alla rovescia per rendere di nuovo fruibile il viadotto. «Ci siamo confrontati con il prefetto di Brescia - aggiunge Stucchi - e credo serva qualche settimana prima che si possa prevedere una riapertura senza limitazioni». Quindi il viadotto, con tanto di pista ciclabile, verrà riaperto entro la fine di agosto. •

V.MOR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1