CHIUDI
CHIUDI

10.04.2019

Colori e profumi a villa Badia Nel weekend c’è «Leno in fiore»

La fiera dei fiori sarà ospitata da villa Badia
La fiera dei fiori sarà ospitata da villa Badia

I fiori sbarcano a Leno, o meglio arriva nella Bassa il riuscitissimo format «Boario in fiore» (promosso da «PromAzione360» e da Loretta Tabarini) che viene esportato con alcune variazioni nel cuore della pianura bresciana. Sabato dalle 14 alle 23, e il giorno successivo dalle 9 alle 20, il parco di villa Badia diventerà ancora più colorato ospitando la prima edizione di «Leno in fiore»: un’occasione di bellezza e di cultura; botanica e architettonica. Ci saranno florovivaisti provenienti da molte regioni, anche dalla Toscana, a colorare e profumare una fiera mercato che si nutrirà pure di molto altro: prodotti artigianali, abiti, accessori, design, prodotti di bellezza anche fai da te, riciclo creativo, mostre, convegni e concorsi. E ancora musica e danza, spazi per i piccoli e attività didattiche. Densissimo il cartellone, che vede in pista la Fondazione Dominato Leonense di Cassa Padana, con il presidente Vittorio Biemmi e il segretario Franco Aliprandi, e che incassa il patrocinio dell’amministrazione comunale, con la sindaca Cristina Tedaldi e l’assessore a Cultura e Ambiente Rossella De Pietro, della Provincia e della Regione. Ospite d’eccezione il flower designer Alberto Menegardi, protagonista del programma «Detto fatto» di Rai 2, che tra l’altro presiederà la giuria di due concorsi: «Ho solo fiori per la testa», aperto a chiunque si presenterà con un capello, una acconciatura o una ghirlanda a tema da far fotografare dallo Spazio Canon - New Free photo, e la gara riservata alle bancarelle, entrambe manifestazioni che saranno premiate con gioielli offerti da gioiellerie lenesi. DA SEGNALARE tra le attività collaterali anche due progetti: uno con la polizia stradale di Brescia, «La tua vita è delicata come un fiore...proteggila», e l’altro con i vigili del fuoco di Verolanuova intitolato «Non bruciare il tuo futuro, rispetta l’ambiente». Leno in fiore coinvolgerà poi anche il gruppo alpini, l’Associazione nazionale carabinieri, il gruppo fotografico, il bonsai club di Rezzato, il gruppo teatrale «CaraMella», l’Accademia del Gamber, il gruppo musicale lenese «Quartetto Weber» e molte altre realtà. Tre i convegni. Sabato alle 15,30 «Fior di frumento: ambiente e paesaggio nella Leno medievale» con l’archeologa Maria Bosco dell’Università di Verona, seguito da «Il giardino privato tra natura e architettura» con l’architetto paesaggista Giovanni Ricca. Infine, domenica il botanico Enzo Bona analizzerà con «Stat rosa pristina nomine» le rappresentazioni iconografiche dei fiori, e ci saranno anche guidate gratuite agli scavi archeologici aperti a villa Badia. •

M.MON.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1