CHIUDI
CHIUDI

05.09.2019

Dopo l’incendio doloso rimossi i rifiuti abusivi all’ingresso della discarica

L’area all’ingresso della discarica è stata finalmente bonificata
L’area all’ingresso della discarica è stata finalmente bonificata

Sono stati rimossi dall'Ate 43 i rifiuti pericolosi accatastati in una strada privata della zona discariche. In questi giorni, come chiesto dal sindaco di Montichiari Marco Togni, i gestori delle discariche si sono occupati di bonificare la piazzola in cui ignoti incivili avevano gettato abusivamente un cumulo consistente di rifiuti. Erano decine di latte di vernice e pitture spray, contenitori con all'interno fluidi chimici, sacchi neri contenenti materiale di verniciatura. Tutto materiale accumulato nel corso dell’estate vicino all'ingresso della discarica Edilquattro e su un accesso secondario del bacino di escavazione che sarebbe dovuto diventare l'ennesima discarica di Montichiari: Padana Green. QUESTI RIFIUTI, come scritto il 16 luglio, erano stati dati alle fiamme insieme ad una Lancia Y abbandonata in questa strada privata che si collega a via Levate, con rischio ambientale data la vicinanza all'abitato di Vighizzolo. Intanto gli inquilini dell'Ate 43, per evitare un nuovo abbandono di rifiuti, hanno delimitato la piazzola con una recinzione a fianco dell'ingresso principale dell'impianto Edilquattro, anche se il sindaco Togni aveva chiesto di sistemare una sbarra all'ingresso della stradina privata: in questo modo nessun furgoncino avrebbe potuto scaricare rifiuti. INFATTI il recente abbandono di materiale pericoloso non è stato l'unico nelle vicinanze dell'ingresso della discarica che a sua volta si occupa di accogliere rifiuti inerti. Come si può notare costeggiando l'impianto, ci sono cumuli di scarti edili gettati alla rinfusa e senza troppi scrupoli, oltre ai classici sacchi neri. Il tutto non troppo distante dalla cosiddetta «strada dei cavatori», mai ultimata e (almeno sulla carta) funzionale per alleggerire il traffico lungo la tangenziale e i centri abitati di Vighizzolo e Calcinatello dai tir diretti in discariche e cave. «Strada dei cavatori», tra l'altro, insieme alla mitigazione ambientale dell'Ate 43 finita al centro dell'attenzione di recenti incontri che si sono tenuti in Provincia tra inquilini della zona cave e discariche, Comune di Montichiari e rappresentanti della Provincia di Brescia.

V.MOR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1