CHIUDI
CHIUDI

23.05.2019

Pacchetto sicurezza: altri «occhi elettronici» vigileranno sul paese

Il comandante Nicola Caraffini
Il comandante Nicola Caraffini

Gli occhi del Grande fratello comprensoriale si stanno moltiplicando per proteggere Milzano, Pavone, Pralboino, San Gervasio e Seniga, paesi convenzionati con la Polizia intercomunale di Leno. Il sistema di monitoraggio 24 ore su 24 del territorio è stato di recente potenziato, attraverso l’installazione di nuove telecamere intelligenti capaci di segnalare in tempo reale attraverso la lettura delle targhe se l’auto risulta rubata, priva di assicurazione o con la revisione scaduta. NELL’OPERAZIONE che fa parte di un progetto di più ampio respiro sono stati investiti 110 mila euro, 80 mila euro finanziati dalla Regione, la parte restante dai Comuni dell’unione. Il progetto redatto dal comandante della Polizia locale intercomunale Nicola Caraffini, è stato promosso sotto la direzione tecnica di un esperto e sotto l’egida della prefettura. «Dalla questura ai carabinieri passando per i reparti speciali, piano è stato condiviso con tutte le forze dell’ordine del territorio», spiega Nicola Caraffini. A Leno sono state installate altre telecamere ai varchi di ingresso nel paese e in prossimità di aree sensibili come scuole e luoghi di ritrovo collettivo. Il potenziamento ha riguardato le via Badia, angolo via Roma e Dante, via Cavour, angolo via Zannini e Mazzini e le vie Capirola, Brescia, Marconi, angolo via 25 Aprile, e Repubblica. «Sono stati inoltre attivati i varchi di via Calvisano – rimarca Caraffini -, e quelli agli ingressi di Porzano di Leno e di Milzanello». «Leno - rimarca l'assessore alla Sicurezza Ermanno Udeschini –, nel sondaggio 2018, è risultato il paese più sicuro nella provincia di Brescia, ma questo non ci deve far abbassare l'attenzione sul tema del controllo del territorio». E si inserisce nel pacchetto sicurezza anche il recente intervento che ha permesso di aumentare la presenza sul territorio della Polizia locale con due agenti dedicati ai servizi di pattugliamento a piedi tesi a prevenire i furti in abitazione e contrastare l’illegalità diffusa. Il controllo è mirato sul centro storico.

Gloria Baronchelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1