CHIUDI
CHIUDI

10.11.2019

Pendolarismo ad alto rischio Con la nuova ciclabile si cambia

La ex provinciale 2 tra Rudiano e Roccafranca
La ex provinciale 2 tra Rudiano e Roccafranca

A fare la differenza nella soluzione di un problema in stallo è stato anche l’arrivo nella giunta comunale di Rudiano di un cittadino di Roccafranca: Mauro Barucco ha messo su famiglia nel paese vicino, e pochi mesi fa è stato eletto con la lista del candidato sindaco Alfredo Bonetti. Poi è diventato assessore all’Urbanistica, ma il legame col paese di origine è scontato. È appunto anche grazie a questo che finalmente Rudiano e Roccafranca hanno iniziato a dialogare sulla strada ex provinciale 2: l’arteria che collega i due abitati e che è diventata col tempo una delle più pericolose della zona, sia per gli automobilisti, sia per i cosiddetti utenti deboli. È TROPPO STRETTA, infatti, per consentire il passaggio sempre più frequente di pedoni e ciclisti, che con la crisi sono diventati molto più numerosi su questo collegamento. Il pendolarismo tra Rudiano e Roccafranca, i cui centri abitati sono divisi da nemmeno un chilometro, è da sempre forte per la presenza di parentele reciproche, per le attività sportive, per la presenza del pediatra a Rudiano e per lo shopping: insomma, per tante cose che aumentano il traffico non solo motorizzato. «Adesso ci siamo - sostiene il sindaco di Roccafranca Marco Franzelli -. Grazie alla presenza del concittadino Barucco a Rudiano abbiamo rinsaldato insieme all’amicizia storica tra i due paesi anche una collaborazione politica da troppo tempo assente. Per questo abbiamo sancito un accordo per realizzare una unificazione viabilistica a dir poco simbolica». SARÀ rappresentata da una nuova pista ciclopedonale di nemmeno un chilometro che costerà circa 150 mila euro. «Sappiamo bene che in questo momento i fondi sono scarsi - aggiunge il primo cittadino rudianese Bonetti - ma la volontà è forte. E noi siamo i primi ad aver sacrificato gli oneri di Castrezzato per nuova area artigianale per favorire la realizzazione della pista sotto la Brebemi, quasi interamente sul territorio di Urago d’Oglio. Faremo il possibile per favorire anche la soluzione con Roccafranca: ci sta lavorando il nostro assessore Barucco». In questo caso le cose sembrano più urgenti: la strada non è il sottopasso della Brebemi tra Rudiano e Urago, ma un insieme di buche pericolose anche per le auto. «Anche per questo - continua Franzelli - abbiamo previsto circa 35 mila euro da dedicare alla riasfaltatura». I tempi? I Comuni contano di concludere un progetto entro fine anno e di presentarlo ai bandi di primavera della Regione. «L’obiettivo - conclude Franzelli - è quello di iniziare e finire entro l’anno prossimo». •

M.MA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1