Qui l’anno scolastico inizierà svantaggiato

Il piano terra della scuola nelle ore successive al guasto
Il piano terra della scuola nelle ore successive al guasto
Il piano terra della scuola nelle ore successive al guasto
Il piano terra della scuola nelle ore successive al guasto

Per lunedì il calendario prevede il ritorno il classe generale, ma l’elementare di Montirone intitolata a Francesco Lechi non potrà riaprire completamente fino al 26 settembre. Lo ha deciso il commissario prefettizio, Corrado Conforto Galli, sulla base delle condizioni del piano terra dell’edificio, in seguito a quanto avvenuto il 5 settembre, quando si è allagato in seguito alla rottura della tubazione dell’impianto antincendio al primo piano. Dopo l’intervento d’emergenza e la verifica statica dell’immobile, il comando provinciale dei vigili del fuoco ha imposto di inibire l’accesso proprio alla parte più «bassa» della costruzione fino al ripristino degli impianti antincendio ed elettrico: il resto della «Lechi» sarà invece agibile e accessibile, grazie al fatto che la scala che porta al livello superiore si trova davanti all’ingresso. «A seguito di una disposizione della gestione commissariale gli interventi richiesti sono stati effettuati con tempestività e le rispettive relazioni di verifica dell’impianto elettrico e dichiarazioni di conformità di quello antincendio sono state trasmesse al comando dei vigili del fuoco al fine di ricevere il benestare dello stesso alla riapertura in sicurezza dei locali» ricorda il commissario nell’ordinanza emanata ieri in cui si impedisce l’accesso alle classi al piano terra, quelle più interessate dal danno, fino appunto al 26. Gli spazi interessati sono comunque al centro di un costante monitoraggio, mentre tre diversi sopralluoghi dei vigili del fuoco non hanno riscontrato problemi strutturali. Per fortuna l’acqua non deteriora le armature in poco tempo, a Montirone ci si è resi conto di quanto succedeva e l’allarme è stato rapido. •.

Milena Moneta

Suggerimenti