CHIUDI
CHIUDI

01.10.2020

Rifiuti, un maxi sequestro

Obbligo di firma per due imprenditori, uno di Erbusco e l’altro mantovano, e sequestro di beni per un valore di sei milioni di euro. È il bilancio dell’inchiesta della Dia di Brescia che ha eseguito i provvedimenti giudiziari. Al centro dell’inchiesta un traffico di rifiuti industriali per i quali una falsa documentazione certificava la trasformazione in rifiuto «pulito». Cosa che al contrario non avveniva. Il materiale transitava prima in un impianto mantovano da cui usciva tal quale per essere conferito a due siti, a Ghedi nell’ex cava Inferno e a Rezzato. L’indagine ribattezzata «Similargilla» aveva preso il via nel 2016.•> PAG 28

CITTADINI
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1