LA RICORRENZA

Roccafranca festeggia Angela, cent'anni a suon di musica

di Massimiliano Magli
Un secolo di vita per la storica bottegaia del paese: "Quando sono triste ho imparato a cantare"
Angela Tarletti, un secolo di vita...cantando

A Roccafranca è grande la gioia per Angela Tarletti che il 24 novembre festeggia il secolo di vita. Classe 1922, Angela è la risposta bassaiola alla longevità sarda. Il suo volto è il ritratto della salute: pelle come una pesca, neanche una ruga, ma soprattutto quel sorriso perennemente stampato, che infonde tranquillità.

Per dieci anni anni ha lavorato come sarta per uomo e donna, poi l'amore della sua vita, Carlo Savelli, l'ha portata ai civici 6 e 8 di via Pesa, dove ancora oggi si trovano due grandi vetrine, che fino al 2020 offrivano sulla via la vista di pane, merendine e prodotti da drogheria. Ma l'amore della sua vita nella sua vita restò poco, poiché il cacciatore Carlo scomparve per un malore improvviso nel 1977... Una vita fa.

Angela non mollò, si rimbocco le maniche e continuò, grazie al figlio Severino, andato in pensione due anni fa, la gestione di questo pezzo di storia commerciale locale.

«Quando sono triste – dice Angela - ho imparato a cantare. Lo facevo in negozio mentre sistemavo la bottega, ma anche la domenica perché mi è sempre sembrato il giorno perfetto. Dalla mia finestra ho visto la vita scorrere anche nei due anni tragici del Covid, perché dalla mia via tanta gente raggiunge la chiesa, luogo di fede e di speranza soprattutto nei momenti più bui». Oltre a Severino, bastone della sua vecchiaia, festeggiano Angela le figlie Barbara, Teresa ed Elvirosa.