CHIUDI
CHIUDI

25.06.2019

Schiuma e scarichi fognari Il Chiese è in lenta agonia

La schiuma biancastra comparsa sul fiume Chiese ad Acquafredda
La schiuma biancastra comparsa sul fiume Chiese ad Acquafredda

Il Chiese è nella morsa dell'inquinamento. Un’emergenza che conferma i timori espressi dalle popolazioni e dagli amministratori di Bassa e Valsabbia nei confronti del terminale del maxi depuratore del Garda destinato a scaricare i reflui depurati nel fiume. Una scelta simile a un azzardo considerato che il corso d’acqua è già una bomba batteriologica pronta a esplodere con effetti incontrollati e incontrollabili come dimostra l’epidemia di legionella e polmonite dello scorso anno. Ieri sul Chiese sono comparse chiazze marroni e maleodoranti all'altezza del ponte di Borgosotto a Montichiari. Un fenomeno, in realtà, che si ripresenta a fasi alterne ormai da due anni. Nel tratto di fiume che scorre in territorio di Calcinatello si è registrato uno sversamento di sostanze organiche in uno dei tre scarichi in via Croce Santo Stefano. All'altezza della diga di Acquafredda è defluita per l’intera giornata una chiazza schiumosa e biancastra. Uno stillicidio di episodi di inquinamento che suona come un campanello d’allarme in vista dell'inevitabile abbassamento del livello del Chiese. •

V.MOR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1