CHIUDI
CHIUDI

03.08.2020

Tangenziale di Roncadelle e nuova ondata di rondò: strade bresciane al rialzo

Il consigliere Andrea Ratti
Il consigliere Andrea Ratti

L’agenda è fissata in ogni dettaglio, ma per dare consistenza agli impegni finanziari della Regione bisognerà attendere gli iter burocratici e una ricognizione in autunno delle risorse. MA BRESCIA SPERA in un colpo di accelatore nelle grandi infrastrutture incompiute, partire dalla mini-tangenziale della sp 235 di Roncadelle, opera da 6 milioni di euro ai box da quasi dieci anni. L’impegno a finanziare la variante assunto dalla Regione attraverso un ordine del giorno è stato accolto con soddisfazione da Andrea Ratti consigliere provinciale con delega alle strade. «É un intervento strategico per la viabilità dell’hinterand – osserva Ratti –, che vedeva da tempo impegnate enti e istituzioni di ogni livello nella ricerca di risorse. Ritengo che i fondi del Pirellone gratificano lo sforzo amministrativo svolto collettivamente a livello territoriale». E dalle necessità del territorio prende spunto l’ordine del giorno proposto dal consigliere regionale Claudia Carzeri approvato in aula. NELLA LISTA FIGURA la rotatoria ai Prati di Calcinato per eliminare un incrocio teatro di gravi incidenti stradali. Per questi lavori è previsto un finanziamento da 60 mila euro. Poi la realizzazione della rotatoria sulla sp 33 di Manerbio a cui è potenzialmente destinato un fondo di 500 mila euro. A PROPOSITO di sicurezza, è stata inserita anche la realizzazione di un rondò in piazza Martiri della Libertà Carpenedolo per 50 mila euro. Nell’elenco varato da Claudia Carzeri c’è anche la messa in sicurezza della sp 459 di Pontoglio con 40 mila euro, la riqualificazione della strada comunale di via Valverde a Rezzato che potrebbe ottenere 50 mila euro. Ma nell’ordine del giorno non ci sono solo strade: centoquarantamila euro è la cifra che la Regione dovrebbe destinare alla manutenzione del castello Bonoris di Montichiari, il miglioramento dei servizi e dell’accessibilità. Mentre, andando oltre la Bassa, sono state richieste risorse per migliorare la sicurezza e l’efficienza della linea ferroviaria Brescia-Iseo-Edolo: completamento delimitazione rete ferroviaria per 3 milion, adeguamento deposito materiale rotabile per 5 milioni di euro e rinnovo armamento della linea per 13,5 milioni. Tra le priorità è inserita la manutenzione del ponte sulla sp 77 a Pozzolengo per 150 mila euro e la realizzazione della passerella pedonale sul fiume Chiese a Villanuova per 260 mila euro.

V.MOR.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1