CHIUDI
CHIUDI

29.05.2020

Tenta di strangolare la moglie Arrestata una guardia giurata

Non era la prima volta che il marito le alzava le mani addosso, l'aggressione avrebbe però potuto trasformarsi in tragedia se la vittima dell’ennesimo episodio di violenza domestica non fosse riuscita a sfuggire anche grazie all'aiuto dei figli alla presa dell'uomo che la stava strozzando. Si è salvata e ha subito chiamato i carabinieri della stazione di Travagliato dove la coppia vive insieme ai tre figli minori. QUANDO I MILITARI sono arrivati hanno trovato una casalinga italiana di 43 anni, sotto shock con l’ecchimosi sul collo. «È stato lui, ha cercato di strangolarmi» ha detto ai militari indicando il marito. Il responsabile dell’aggressione, una guardia giurata di 40 anni a cui è stata subito ritirata l'arma di servizio, è stato accompagnato in caserma per essere ascoltato. Anche la donna è arrivata nella stazione di carabinieri di Travagliato e lì davanti al magistrato di turno si è finalmente liberata del pesante fardello di sofferenza che portava da tempo dentro di sé. «Non è la prima volta che succede», ha spiegato la 43enne al magistrato. La vittima ha raccontato che il marito al culmine dell'ennesima lite le ha stretto le mani al collo. Per il vigilantes è scattato l'arresto per tentato omicidio. Il 40enne è stato quindi condotto in carcere in stato di fermo e nelle scorse ore è comparso davanti al giudice per l'udienza di convalida del provvedimento. Il gip ha convalidato il fermo e disposto per il marito la detenzione in carcere. La donna e i figli sono stati collocati temporaneamente in una struttura protetta dove potranno iniziare a dimenticare la terribile esperienza. •

Paolo Cittadini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1