CHIUDI
CHIUDI

13.08.2019

Fisco e leggi fuori portata Il doposcuola deve chiudere

Pesano di più sulla mostruosa evasione fiscale italiana i baristi e i commercianti che non sanno cos’è uno scontrino o gli universitari che si pagano gli studi dando ripetizioni a studenti in difficoltà? La risposta è ovvia, ma chissà perché in questo Paese nessuno tappa mai le vere e importanti falle economiche, e invece ci si ingegna nel confezionare provvedimenti che un po’ per volta uccidono anche iniziative preziose. Come i quasi storici corsi di recupero del progetto «Un’ora per il Sapere». Avviato nel 2014 a Travagliato, e colpito anche da uno sfratto deciso dal Comune, questo doposcuola ha aiutato circa 600 ragazzi a «recuperare» materie ostiche portandoli al successo. Ma adesso si chiude, perché il nuovo quadro fiscale e del diritto del lavoro obbligherebbe gli organizzatori ad assumere i loro giovani tutor come lavoratori dipendenti. Che dire? Beviamoci sopra un caffé, in nero.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1