CHIUDI
CHIUDI

28.11.2020 Tags: Travagliato

Truffava gli automobilisti per pagare la droga

Il sovrintendente si faceva pagare in contanti le multe contraffatte
Il sovrintendente si faceva pagare in contanti le multe contraffatte

Per pagarsi il vizio della cocaina, questa l'idea che la procura di Brescia si è fatta nel corso delle indagini, avrebbe truffato alcuni automobilisti facendosi pagare direttamente le multe in contanti. Otto gli episodi avvenuti tra gennaio 2019 e lo scorso aprile che la procura di Brescia contesta a un agente della Polizia locale di Urago d'Oglio, M.M le sue iniziali. Ieri mattina il sovrintendente, 59anni compiuti da poco e residente a Romano di Lombardia (nella Bergamasca) è stato raggiunto dai carabinieri della stazione di Rudiano che gli hanno notificato la misura dell'interdizione dai pubblici uffici per un anno emessa dal gip su richiesta della procura di Brescia. Le truffe, per cifre che andavano dai 118 ai 190 euro, sono solo una parte delle contestazione fatte nei suoi confronti dagli inquirenti. Peculato, appropriazione indebita e falso ideologico i reati contestati al sovrintendente della Locale di Urago d'Oglio finito nei guai e che nelle prossime ore comparirà davanti al gip per l'interrogatorio di garanzia. Secondo la procura il 59enne vigile avrebbe utilizzato, tra il 4 e il 12 settembre di questo anno, avrebbe usato l'auto di servizio (una Dacia Duster) per raggiungere l'abitazione di uno spacciatore ai domiciliari a Martinengo, in provincia di Bergamo, per rifornirsi di cocaina. Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, il sovrintendente in concorso con un uomo kosovaro (al momento indagato) gli avrebbe permesso di ottenere il certificato di idoneità alloggiativa in un appartamento di Urago d'Oglio nonostante non avesse i requisiti e utilizzando la richiesta presentata tempo prima dal reale affittuario che sentito dal pm aveva dichiarato di avere solo ospitato l'amico e di avere inoltre prestato del denaro al vigile finito nei guai. A fare scattare l'indagine, iniziata lo scorso agosto, è stata la denuncia di due donne del paese che ai carabinieri di Rudiano avevano raccontato come il vigile si fosse proposto di fare da intermediario tra loro e uno straniero che viveva in affitto in un loro appartamento. Le due sorelle avevano spiegato che il 59enne sovrintendente fino a marzo aveva regolarmente versato loro il canone mensile che gli metteva in mano lo straniero. Dalla scorsa primavera però non gli avrebbe più consegnato il denaro. Per gli inquirenti il vigile si sarebbe appropriato indebitamente di 3.700 euro che lo straniero gli avrebbe girato per pagare l'appartamento. •

Paolo Cittadini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1