Un naso elettronico vigilerà sull’inquinamento dell’aria

La centralina di rilevamento della qualità dell’aria attivata a Bagnolo
La centralina di rilevamento della qualità dell’aria attivata a Bagnolo

•• Una centralina mobile per monitorare la qualità dell’aria di Bagnolo. È entrata in funzione da alcuni giorni nel cortile del Cfp Canossa, in piazza della Resistenza. «Abbiamo chiesto espressamente ad Arpa di entrare a far parte del progetto per poter esaminare l’effettivo stato di salute dell’atmosfera», spiega il sindaco Cristina Almici. Il monitoraggio proseguirà per quattro settimane. Si tratta di una sorta di «test invernale», che verrà replicato in estate per un altro mese. «Avremo così dati precisi e attendibili - sottolinea il sindaco -, e questo ci consentirà non solo conoscere la qualità dell’aria, ma anche di mettere a disposizione della cittadinanza tutti i dati utili». L’entrata in funzione della centralina e i rilevamenti «non sono altro che un altro risultato concreto che testimonia l’attenzione che in tutti questi anni la nostra Amministrazione ha dedicato al territorio e alla tutela della salute - aggiunge Cristina Almici -. Un cammino scandito da una serie di interventi di natura ambientale significativi, come la bonifica dell’ex Consorzio o della Sheratonn, il recupero dei fontanili o la caratterizzazione della Fontana dell’Arrigo. •. C.Reb.