Transizione ecologica

A2A fa sul serio: nuova flotta aziendale con 700 auto elettriche

La nuova flotta di auto elettriche di A2A
La nuova flotta di auto elettriche di A2A
A2A fa sul serio: flotta aziendale con 700 auto elettriche

La flotta di veicoli aziendali di A2A è tutta elettrica. L’iniziativa, spiega una nota, si inserisce all’interno del Piano Industriale al 2030 di A2A per promuovere la decarbonizzazione investendo nel segmento della mobilità elettrica.

«La presentazione della nuova flotta aziendale è una occasione concreta per confermare l’attuazione degli obiettivi del nostro Piano Industriale. I mezzi utilizzati dai dipendenti del Gruppo A2A per gli spostamenti, i servizi e le attività operative contribuiscono a realizzare la nostra vocazione green. La scelta di dotarsi di una flotta di auto elettriche e della relativa infrastruttura di ricarica, infatti, consente non solo una diminuzione dei costi di gestione, ma soprattutto - grazie alle minori emissioni - di ridurre il nostro impatto sull’ambiente» spiega il presidente Marco Patuano.

«Il nuovo hub della sede di Brescia rappresenta un’eccellenza del gruppo e un modello che verrà replicato in altre 90 nostre sedi aziendali. A2A sta preparando un ruolo da protagonista nel settore della mobilità sostenibile: quadruplicheremo il nostro piano di installazioni di punti di ricarica elettrica al 2030 e per i segmenti di mobilità la cui evoluzione non è prevista verso l’elettrico metteremo a disposizione soluzioni come l’idrogeno verde e il Bio-GNL da biometano» sottolinea l’ad Renato Mazzoncini.

ll rinnovo del parco auto ha comportato l’acquisizione di circa 700 vetture elettriche e l’installazione di oltre 1.200 punti di ricarica in 90 sedi del Gruppo. Con questo progetto A2A contribuisce a favorire l’adozione di una mobilità sostenibile, grazie ad una percentuale di auto elettriche superiore a quella di tutte le società italiane con flotte operative di dimensioni confrontabili e ad una infrastruttura di ricarica alimentata da energia certificata 100% green. L’iniziativa consentirà inoltre di ridurre di oltre il 25% le emissioni di CO2 rispetto a quelle del parco auto aziendale precedente, pari a circa 1.000 tonnellate all’anno, equivalente a quella assorbita da una foresta di 50.000 alberi.