la riqualificazione

Brescia, via Metastasio: cantieri aperti dall'autunno

di Irene Panighetti
Dureranno 8 mesi, con la strada che non sarà completamente chiusa. L'intervento rientrerà nel progetto quadriennale «Un filo naturale» Investimento da 1,2 milioni di euro, saranno create zone «green»
Dal prossimo autunno il via ai lavori che hanno l'obiettivo di mettere in sicurezza gli utenti deboli, pedoni soprattutto, che utilizzano via Metastasio
Dal prossimo autunno il via ai lavori che hanno l'obiettivo di mettere in sicurezza gli utenti deboli, pedoni soprattutto, che utilizzano via Metastasio
Dal prossimo autunno il via ai lavori che hanno l'obiettivo di mettere in sicurezza gli utenti deboli, pedoni soprattutto, che utilizzano via Metastasio
Dal prossimo autunno il via ai lavori che hanno l'obiettivo di mettere in sicurezza gli utenti deboli, pedoni soprattutto, che utilizzano via Metastasio

Riqualificazione urbana di via Metastasio, interventi di creazione di nuovi habitat e «green» sostenibile in altrettante quattro vie cittadine: il Comune di Brescia continua sulla strada della «città che cambia paradigma di sviluppo seguendo un disegno tratteggiato dall'inizio dell'amministrazione e che prosegue coerente», secondo il sindaco di Brescia Emilio Del Bono. Tutte queste azioni rientrano nel progetto quadriennale «Un filo naturale» del valore complessivo di 6.112.000 euro. Avviato grazie al contributo di Fondazione Cariplo per 1.850.000 euro e di Regione Lombardia per 1.400.000, il progetto rappresenta «la strategia di transizione climatica, articolata sulle tre assi de: la città spugna, cioè che restituisca spazio all'acqua e permeabilità alla terra, la città oasi, ovvero che crei zone d'ombra e fresco e la città per le persone», come ha sottolineato l'assessore all'Urbanistica in Loggia, Michela Tiboni.In questo orizzonte partiranno dall'autunno i lavori in via Metastasio. «Dureranno circa 8 mesi, la gara d'appalto è instradata, non ci sarà mai una chiusura totale della via e, i parcheggi persi saranno recuperati in zone limitrofe; sarà ridisegnata la sezione stradale, riducendo la carreggiata per inserire sul lato sud di un'aiuola rain garden e piste ciclabili», spiega Marcello Peli, presidente di Brescia Infrastrutture che è diventata lo studio di progettazione e partner tecnico del Comune, con le sue 35 commesse in corso.

La superficie interessata sarà di 8.180 metri quadrati e l'investimento totale di 1,273 milioni euro, di cui 923 mila cofinanziati da Regione Lombardia e 350 mila dal Comune di Brescia. Attraverso l'inserimento di una «zona 30 chilometri all'ora» verranno messi in sicurezza pedoni e ciclisti e inseriti attraversamenti pedonali rialzati protetti da isole salvagente e intersezioni stradali rialzate che ridurranno la velocità dei veicoli. Gli altri quattro interventi riguarderanno, nell'ottica della riforestazione, la zona di via Malga Bala, a Sanpolino, e, nell'ottica della creazione di nuovi habitat, parti che insistono su viale Duca degli Abruzzi, via Acerbi e la rotonda di via del Serpente. «L'idea è quella di creare aree verdi che non siano parchi, ma che siano comunque fruibili dai cittadini, con piante da frutto - aggiunge l'assessore al Verde, Miriam Cominelli - in totale si tratta di 7 ettari, i lavori termineranno nella tarda primavera del 2023, per un investimento totale di 220mila euro (70 mila euro per nuova forestazione e 150 mila euro per nuovi habitat)»..