Covid, 64 casi: è il dato più basso da ottobre

Sedici decessi in provincia registrati nelle scorse ore ma anche riferiti ai primi giorni di aprile, e 64 nuovi positivi (il dato più basso dalla metà di ottobre): la pandemia ha tirato il freno e dopo aver contato 8.118 casi nel territorio di Ats Brescia in aprile, apre maggio con un netto rallentamento rispetto alle ultime settimane. Significativo il numero degli isolamenti domiciliari scesi a 3.215 con 87.109 guariti. Intanto si conferma, nell’ultima settimana, la riduzione del numero di ricoveri di pazienti positivi Covid agli Sedali Civili, che nella giornata di venerdì registrava 186 posti letto occupati: a ieri erano 160 i pazienti ricoverati, di cui 20 in terapia intensiva. La saturazione di posti letto delle terapie Intensive, negli ultimi giorni, si attesta attorno al 90%. Al pronto soccorso (7 accessi nella giornata di domenica) si è invece registrato un incremento di pazienti non Covid (110 pazienti). Da registrare il superamento della soglia dei mille casi da inizio pandemia a Darfo. È il primo comune della Val Camonica a tagliare il poco invidiabile traguardo. A fronte di 15.287 tamponi effettuati, come ogni lunedì al di sotto della media settimanale, sono 637 i nuovi positivi registrati in Lombardia, dove i decessi sono stati 28, che portano il totale da inizio pandemia a 32.973. Calano di 7 i ricoverati nelle terapie intensive (totale regionale 535) e di 75 i ricoverati nei reparti Covid. Prosegue il trend positivo dei guariti-dimessi che sono 4.618 in più rispetto a ieri, per un totale complessivo di 727.433. Il tasso di positività oggi si attesta al 4,1% rispetto al 4,2% di domenica. Tra le singole province il dato più alto è a Milano con 306 casi. Nessun caso nel Lodigiano. •.

Giuseppe Spatola giuseppe.spatola@bresciaoggi.it

Suggerimenti