Covid, al Civile 65 ricoverati In sette giorni 15% di casi in più

L’onda lunga del Covid non accenna a ritirarsi e anche ieri i contagi registrati nel Bresciano sono rimasti a doppia cifra (75 positivi) con 51 contagiati che hanno tra i 25 e i 64 anni. I ricoverati agli Spedali Civili sono 65 mentre sul Garda i pazienti sono 5 e uno in Poliambulanza. Tutto mentre in terapia intensiva sono assistite otto persone. Gli isolamenti domiciliari rimangono stabili a 1.155 con l’incidenza salita a 43,3 ogni 100 mila abitanti, il più 15 per cento di casi in una settimana. Sono invece 435 i nuovi casi di coronavirus in Lombardia, con una percentuale dello 0,7% sugli oltre 58mila tamponi effettuati. I decessi sono 6, mentre aumentano i ricoveri di 20 unità nei reparti non di terapia intensiva, a 436 totali. Nelle terapie intensive scendono di 2, a 60 totali. Oltre ai 75 casi bresciani, nelle altre province lombarde si registrano 121 casi nel Milanese, di cui 40 nel capoluogo, 42 in provincia di Bergamo, 36 a Monza Brianza, 31 a Varese, 28 a Pavia, 21 a Mantova, 17 a Cremona, 13 a Como, 8 a Sondrio, 7 a Lodi e 6 a Lecco. Proseguono intanto le adesioni alla campagna vaccinale che in tutta la regiobne hanno toccato la media dell’87%, con punte del 96% (per gli over 80), del 93% per gli over 60 e del 82% per la fascia tra i 12 e 29 anni. E le carceri lombarde sono un esempio virtuoso di lotta al Covid, visto che più del 92% dei detenuti è stato vaccinato. A rimarcarlo è stato il vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti sul suo profilo Facebook.•. G.Spa. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Suggerimenti