Covid, da lunedì Brescia sarà in zona bianca

La Lombardia dalle scorse ore è di fatto in zona bianca. Lo ha confermato senza mezze parole, dopo aver analizzato i dati delle ultime 24 ore, il vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti. «I numeri - ha precisato Moratti - confermano, dopo tre settimane consecutive di incidenza di casi positivi al Covid sotto i 50 ogni 100 mila abitanti, che da lunedì la Lombardia potrà passare da zona gialla a zona bianca». Per Brescia (dove ieri si sono registrati 46 nuovi casi e nessun morto) l’incidenza è comunque ancora ferma a 25 positivi ogni 100 mila abitanti, con un costante e sensibile calo dei pazienti ricoverati in terapia intensiva. «Il ritorno però alla completa normalità di tutte le attività - ha sottolineato l'assessore al Welfare - senza restrizioni, fatta eccezione per le discoteche, e il venir meno del coprifuoco serale non significa un liberi tutti». Rimangono obblighi e divieti volti a ostacolare la diffusione dei contagi. «Resta quindi l'obbligo - ha spiegato Moratti - d'indossare la mascherina all'aperto e al chiuso, negli spazi pubblici e privati, mantenendo sempre la distanza interpersonale di almeno 1 metro. Resta inoltre in vigore il divieto di assembramento». Un risultato che per i vertici della regione è da attribuire al forte impulso avuto dalla campagna vaccinale, che ha toccato quota 7 milioni di somministrazioni. «Se le cose stanno andando così bene - ha rimarcato Attilio Fontana - lo si deve anche e sicuramente alla grande partecipazione dei lombardi alla campagna vaccinale». Nel frattempo in Lombardia ci sono stati 352 nuovi casi e 6 vittime. A fronte di 35.696 tamponi, il tasso di positivi è dello 0,9%. •. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Giuseppe Spatola

Suggerimenti