«Errore o Pirellone bocciato in geografia?»

«Semplice dimenticanza o Pirellone bocciato in geografia?» Con una lettera inviata al presidente della Regione Attilio Fontana, all’assessore al Welfare Letizia Moratti e al direttore generale dell’Ats Claudio Vito Sileo, i sindaci di Passirano, Monticelli Brusati e Corte Franca lamentano il mancato inserimento nella lista dei 103 Comuni per i quali è stato rimodulato il piano vaccinale, stabilendo la priorità per quei paesi che, dal 15 al 21 febbraio, abbiano avuto più di 250 nuovi casi positivi ogni 100 mila abitanti. «Come si può evincere chiaramente dalla mappa della nostra provincia - sottolineano Francesco Pasini Inverardi, Paolo Musatti e Anna Becchetti - i nostri tre Comuni risultano interamente circondati da altri inclusi nella lista. Visto che gli spostamenti dei cittadini fra paesi diversi da quello di residenza avvengono per ragioni almeno lavorative, a nostro avviso non ha alcun senso l’esclusione dei nostri territorio dall’area di sicurezza istituita dalla Regione». Secondo i tre sindaci, «sarebbe più corretto valutare l’andamento epidemiologico non tanto in un periodo predeterminato come quello preso in considerazione, bensì nel suo evolversi nel corso del tempo. Le nostre comunità, tanto colpite dal virus, meritano il giusto rispetto. C’è bisogno di chiarezza e di informazioni certe, senza doverle apprendere dagli organi di stampa come è avvenuto in questo caso, dal momento che dalla Regione non è pervenuta alcuna comunicazione ufficiale». La richiesta è insomma di attuare la campagna di vaccinazione potenziata e prioritaria anche nei Comuni di Passirano, Monticelli Brusati e Corte Franca. •. C.Reb.