la decisione

Strage di Cervia, arresto convalidato: la 24enne ai domiciliari a Pontoglio

di Mario Pari
Il terribile scenario che si è presentato ai soccorritori nella notte tra venerdì e sabato scorsi a Pinarella di Cervia: il bilancio è di tre morti e tre feriti
Il terribile scenario che si è presentato ai soccorritori nella notte tra venerdì e sabato scorsi a Pinarella di Cervia: il bilancio è di tre morti e tre feriti
Il terribile scenario che si è presentato ai soccorritori nella notte tra venerdì e sabato scorsi a Pinarella di Cervia: il bilancio è di tre morti e tre feriti
Il terribile scenario che si è presentato ai soccorritori nella notte tra venerdì e sabato scorsi a Pinarella di Cervia: il bilancio è di tre morti e tre feriti

Era l’obiettivo del legale ed è stato accolto. Desirèe Gozzini è stata sottoposta all’udienza di convalida dell’arresto e rimarrà ai domiciliari. Niente carcere, secondo quanto aveva chiesto il pm, ma domiciliari a Pontoglio, il paese in cui vive. Questa era stata la richiesta del legale. L’arresto, convalidato, della 24enne bresciana è avvenuto nella giornata di sabato, nelle ore successive al terribile incidente in cui a Pinarella di Cervia hanno perso la vita due donne e un uomo. Le prime stavano viaggiando su una Panda con un’amica che si è salvata, l’uomo era in sella a uno scooter che è stato disintegrato dallo schianto. Ferita, in modo serio, anche l’amica della giovane bresciana al volante di una Mercedes e in seguito arrestata.

I tre mezzi coinvolti: la Mercedes, la Panda e uno scooter
I tre mezzi coinvolti: la Mercedes, la Panda e uno scooter

Dagli accertamenti condotti dalla polizia locale di Cervia era emerso anche che la 24enne bresciana alla guida aveva un tasso alcolemico due volte superiore a quello consentito dalla legge. Secondo la ricostruzione della polizia locale del comune rivierasco la giovane avrebbe invaso la corsia opposta schiantandosi frontalmente con scooter e Panda. Diversa la versione della bresciana, secondo cui la prima a invadere la corsia opposta sarebbe stata la Panda, mentre sorpassava lo scooter. Da parte della Mercedes, ha aggiunto, c’è stato il tentativo d’evitare l’impatto. Ma tutto è andato molto diversamente. I domiciliari, nei confronti della conducente sono stati disposti nella giornata di sabato e applicati in un appartamento di Cervia.

L’avvocato della ragazza sin da allora aveva spiegato che avrebbe chiesto che potessero essere applicati a Pontoglio. Nel corso dell’interrogatorio di convalida dell’arresto l’indagata si è avvalsa della facoltà di non rispondere alle domande del gip, limitandosi a rilasciare dichiarazioni spontanee, in particolare a ribadire la propria versione quella fornita poco dopo l’incidente. Su quanto accaduto nel terribile schianto a Pinarella di Cervia, evidentemente, rimane ancora parecchio da chiarire. Anche perchè da un lato c’è la versione della ragazza bresciana e dall’altro quella della polizia locale di Cervia. Come sempre accade in questi casi, determinante si riveleranno le consulenze e le perizie cinematiche che verranno disposte. •.