VERSO LE ELEZIONI

Loggia 2023, Italia Viva rompe con il centrosinistra: non si siederà al tavolo di coalizione

L'invito al Pd: "Sulle due candidature posizione maggioritaria rispetto a quella della sinistra. I Dem facciano sintesi, o correremo da soli"
Guido Galperti, vicepresidente della Provincia
Guido Galperti, vicepresidente della Provincia
Guido Galperti, vicepresidente della Provincia
Guido Galperti, vicepresidente della Provincia

Italia Viva ha scelto. Non parteciperà al tavolo del centrosinistra per la definizione del candidato sindaco per le comunali del 2023.

Il chiarimento è arrivato poco fa in una nota, nella quale il partito di Renzi ha sottolineato che nel confronto finora attuato "è emersa una posizione largamente maggioritaria, in termini di consenso elettorale (PD- Civica Del Bono Sindaco-Italia Viva), sulle candidature indicate dal Partito Democratico (Manzoni-Muchetti, tra cui Italia Viva conferma la preferenza per Manzoni)", rispetto a "ipotesi alternative (ad oggi indicate da componenti della sinistra radicale ed ambientalista, comunque minoritarie nel consenso elettorale e dichiaratamente disponibili anche all’intesa con i Cinque Stelle)".

Leggi anche
Loggia 2023, il Pd ha scelto: Muchetti e Manzoni i candidati

Perciò Italia Viva conferma "l’invito al PD a fare sintesi politica proponendo alla coalizione il candidato sindaco Pd ed un essenziale quadro di riferimento politico e programmatico, su cui successivamente, attraverso il confronto con la coalizione, potrà innestare gli approfondimenti programmatici e di assetto politico necessari al completamento della proposta elettorale per la città".

Leggi anche
La corsa per la Loggia: scocca l’ora delle scelte

Se ciò non avverrà, Italia Viva - prosegue la nota - "promuoverà una lista civica autonoma, aperta alle altre componenti dell’Alleanza Regionale Terzo Polo/Lista Moratti che condivideranno tale scelta, doverosa anche per rispettare il consenso elettorale già espresso nelle recenti elezioni politiche e che certamente verrà confermato e ampliato nelle prossime elezioni regionali di febbraio 2023"