CHIUDI
CHIUDI

08.04.2020 Tags: Brescia

A Brescia cala il rapporto tra ricoveri e dimissioni

Giuseppe Spatola La crescita è costante ma senza picchi: Brescia spera e inizia forse a vedere la luce in fondo al tunnel. Dai 8.612 di lunedì i nuovi contagiati sono 8.718, poco più di 100 quelli nuovi (erano 133 ad inizio settimana) mentre i decessi passano dai 1.601 ai 1648, dunque 47 nuovi secondo i dati di Ats Brescia. Stesso trend per la Vallecamonica dove i positivi sono 874, 19 in più in 24 ore, e le croci 105, 11 in più rispetto a lunedì. In totale quindi i contagiati bresciani sono 9.592 e i morti 1.753. Aumentano anche i dimessi dalle strutture sanitarie: dall’inizio dell’emergenza sono 4367 mentre i guariti con doppio tampone negativo sono ormai 1108. A Brescia città i contagiati sono 1450 mentre le croci su cui piangere 273. Dati che per la prima volta fanno emergere una diminuzione del differenziale tra ricoverati e dimessi. Forse è ancora presto, ma la strada imboccata è quella giusta. Stessa situazione in Lombardia dove la differenza tra nuovi casi positivi (791 oggi), a cui vanno sottratti i decessi (282) e i pazienti dimessi (635), per un totale di 126 attualmente positivi in meno su lunedì. In precedenza i casi in essere erano risultati in calo solo due volte, il 10 marzo, nella fase ancora interlocutoria dell'epidemia (-63 casi quel giorno), e il 30 marzo scorso, quando erano scesi di 386 casi. IL DATO TOTALE è di 28.343 casi in essere, rispetto ai 28.469 di lunedì. L’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, ha confermato come Bergamo si avvicina sempre di più ai 10 mila contagi, segnando un 9.868 (+53 rispetto a lunedì; +102 ieri sul giorno prima); Brescia 9594 (+37; + 52); Cremona 4323 (+63; +34); Lecco 1739 (+19; +34); Lodi 2321 (+43); Monza Brianza 3206 (+49); Mantova 2142 (+58); Pavia 2735 (+35; +81); Sondrio 620 (+6; + 23). «Giorno dopo giorno c'è una continua riduzione di tutti i fattori e questo è un elemento positivo - ha aggiunto Gallera -. Tutti gli indicatori sono positivi ed evidenziano come lo sforzo di tutti stia producendo risultati importanti. È imminente il fine settimana di Pasqua. Dobbiamo tutti insieme stringere i denti perché adesso serve un ultimo grande sforzo e non possiamo allentare la presa». Ora spetta a Brescia e i bresciani recitare la propria parte e attenersi alle regole tenendo conto che la battaglia non è ancora stata vinta. • Giuseppe.spatola@bresciaoggi.it

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1