CHIUDI
CHIUDI

15.06.2019

A Brescia spesa più cara di 382 euro all’anno

«Boom» nel prezzo della frutta che rispetto al mese di aprile registra un aumento del 13,2%
«Boom» nel prezzo della frutta che rispetto al mese di aprile registra un aumento del 13,2%

Il carovita continua a mordere. La nostra città, secondo le statistiche dell’Istat, si conferma tra le più care d’Italia. È al terzo posto tra quelle con il maggiore aumento del tasso di inflazione tendenziale: a maggio i prezzi sono cresciuti dell’1,3% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso il che si traduce in un rincaro di 382 euro sulla spesa annua di una famiglia media. A Bolzano, la città più cara, gli aumenti raggiungono 499 euro (con una crescita dei prezzi dell’1,5%); al secondo posto c’è Modena (421 euro, +1,5%). Il tasso di inflazione tendenziale (rispetto al mese di aprile) a Brescia si assesta sul +0,7%. LA CITTÀ REGISTRA da mesi una dinamica inflattiva in crescita costante (anche se questo mese il tasso tendenziale si è fermato all’1,3% appunto, rispetto all’1,5% del mese di aprile). Sul piano nazionale, a maggio l’Istat stima invece che l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività, al lordo dei tabacchi, registri una variazione nulla rispetto al mese precedente e aumenti dello 0,8% su base annua (era +1,1% ad aprile); la stima preliminare era superiore, del +0,9%. La decelerazione è principalmente dovuta alla dinamica dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (da +2,8% di aprile a +1,6%), dei Beni energetici non regolamentati (da +3,7% a +2,4%) e, in misura minore, dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +1,6% a +1,0%). Come si legge nella nota dell’Ufficio statistica del Comune a Brescia, in questo mese si evidenziano da un lato, un incremento del costo dei Servizi (+1,1% rispetto ad aprile), dovuto soprattutto all’aumento dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (+3,7%). Si registra, in particolare, un «boom» nei prezzi dei Servizi di alloggio (+22,7%). L’aumento, spiega ancora il comunicato stampa, è dovuto alla presenza in città della Mille Miglia. L’ondata di turismo legata alla Freccia Rossa ha avuto probabilmente ricadute sull’intero comparto Servizi ricettivi e di ristorazione (+6,1%), che determina in modo particolare l’incremento dell’indice. I MAGGIORI RINCARI si registrano inoltre nella divisione Prodotti alimentari e bevande analcoliche (+1,2% sul mese precedente). Costano di più soprattutto i cibi non lavorati, cioè i freschi, +2,8% con un picco nel prezzo della frutta che registra ben un +13,2% rispetto al mese di aprile. In calo invece i dolciumi (-1,6%) e il pesce (-0,7%). A seguire, registrano lievi incrementi congiunturali le divisioni dei Mobili, articoli e servizi per la casa (+0,2%, in particolare i grandi apparecchi domestici al +1,5%) e Bevande alcoliche e tabacchi (+0,1%). Al contrario, le divisioni che registrano variazioni congiunturali negative sono Abitazione, acqua, elettricità, e combustibili (-1,7%), Comunicazioni (-0,9%), Ricreazione, spettacoli e cultura (-0,6%), Altri beni e servizi (-0,2%), Abbigliamento e calzature (-0,1%) e Servizi sanitari e spese per la salute (-0,1%). Infine, le divisioni Istruzione e Trasporti presentano variazione congiunturali nulle. Con riferimento alla frequenza di acquisto dei prodotti - prosegue ancora la nota - , sono soprattutto quelli a media frequenza (abbigliamento, trasporti, libri, servizi medici, alberghi...) a registrare incrementi congiunturale elevati (+1,0%), con variazioni tendenziali sostenute (+1,7%). A seguire, i prodotti ad alta frequenza d’acquisto (alimentari, bevande, tabacchi, carburanti...) presentano un lieve aumento congiunturale (+0,7%). Quasi nulle le variazioni congiunturali e tendenziali dei prodotti a bassa frequenza d’acquisto (elettrodomestici, automobili, elettronica...). La componente di fondo (core inflation), inflazione al netto della componente volatile (beni energetici e alimentari non lavorati), registra una lieve accelerazione congiunturale (+0,5%) con un tasso tendenziale pari a 0,9%. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

NA.DA.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1