CHIUDI
CHIUDI

11.07.2019

Ai Magazzini
Generali ora si
respira aria nuova

Non poteva mancare l’area giochi per i bambini che hanno subito «testato» le strutture installate SERVIZIO FOTOLIVE/Filippo Venezia
Non poteva mancare l’area giochi per i bambini che hanno subito «testato» le strutture installate SERVIZIO FOTOLIVE/Filippo Venezia

Lo attendevano da tempo. Adesso lo hanno visto, e da oggi cominceranno a frequentarlo: i residenti del quartiere Don Bosco ieri pomeriggio hanno applaudito all’inaugurazione del parco costruito dove una volta sorgevano i Magazzini Generali.

 

IL QUARTIERE dunque continua nella sua trasformazione: quello che i bambini di oggi stanno conoscendo è certamente molto diverso da quello dove sono cresciuti i loro genitori, e in particolare questa porzione del quartiere negli ultimi anni è stata oggetto di un restyling davvero incisivo. Restyling del quale il parco è l’ultimo tassello: un’area di 17.000 metri quadrati (attualmente ne sono stati aperti 15.000, l’ultima parte entro la fine dell’anno) si trova tra via Dalmazia, il nuovo Flaminia, Via Don Bosco (a tal proposito il vecchio ingresso dei Magazzini Generali sarà recuperato come nuovo ingresso per il parco), via Corsica e via Salgari. Gli orari di apertura per il momento seguiranno quelli del centro commerciale (8.30-21) che per il momento si è assunto anche l’onere delle pulizie; per il resto resterà chiuso. Si può accedere al parco da via Dalmazia, da via Salgari davanti al vecchio Flaminia e dalla strada che dalla rotonda tra via Toscana e via Don Bosco porta al complesso Bosco Corsica. L’operazione, partita nel 2013, ha portato la società Nau a realizzare il parco; si attende ora che parta l’operazione immobiliare che porterà alla realizzazione di edilizia commerciale e residenziale («Entro un anno la partenza dei lavori? Spero anche prima», la dichiarazione del presidente Battista Albertani); nel frattempo però c’è un parco da cominicare a conoscere. Giochi per bambini (proprio vicino all’ingresso della Coop); ampi vialoni per chi ama camminare o il running; spazi verdi aperti, con le Casere (ancora in cerca di acquirenti) alle spalle: ecco la struttura del parco, al quale adesso manca soltanto il nome. «Arriverà entro poche settimane», dicono dalla Loggia.

 

«SIAMO FELICI di vedere che la rigenerazione urbana di questa porzione di città prosegue con questa nuova puntata - il commento del sindaco Emilio Del Bono -. Sono spazi che versavano in una condizione di abbandono e che adesso tornano a nuova vita. Peraltro con una nuova visione delle operazioni urbanistiche: gli oneri di urbanizzazione vengono fatti cadere sul territorio, a vantaggio del territorio. Anche l’operazione sulla Piccola Velocità porterà nuove risorse per la riqualificazione di via Dalamazia: questa è la strada da seguire». «Non nascondo che ci sia emozione in questo momento - dice invcee l’assessore Michela Tiboni -: questo risultato è frutto di un lungo lavoro che ha visto coinvolti il Comune, Coop, Nau, il Consiglio di Quartiere, l’istituto dei Salesiani. Il tessuto della nostra città torna a vivere». E presto la connessione con il quartiere potrebbe essere ancora più stretta se dovesse essere aperto anche il passaggio con via Ischia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mario Mattei
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1